Banega è cresciuto, ora de Boer vuole conferme – GdS

Articolo di
25 settembre 2016, 11:21
Banega

La “Gazzetta dello Sport” parla di Ever Banega. L’argentino contro la Juventus sembra aver trovato la sua dimensione ideale nel calcio italiano, e ora de Boer si aspetta conferme nelle prossime partite.

INIZIO DIFFICILE – Le prime giornate di campionato hanno nascosto delle difficoltà per l’inizio in nerazzurro di Banega. Un inizio non semplicis­simo per il rosarino, che ha sofferto l’impatto con la fisicità e il tatti­cismo del calcio italia­no, in una realtà com­pletamente diversa da quella vissuta a lungo nella Liga spagnola. Malino in ca­sa del Chievo, e col Palermo a San Siro (da una sua palla persa è partito il momentaneo 1­-0 dei siciliani), due gravi errori a Pe­scara: colpa soprattutto di un ritmo lento nel dettare cal­cio, con rilascio della palla pi­gro  e qualche tocco di troppo in fase di controllo.

CAMBIAMENTI – Bravo de Boer ad avanzare subi­to la posizione del ragaz­zo, togliendolo dalla classica cabina di regia davan­ti alla difesa; bravo ancor di più il 28enne trequartista rosarino a mettersi in discussione e a modi­ficare sensibilmente posizione e tempi di gioco. Con la Juve ne è uscita non a caso una prestazione pratica­ mente perfetta: sempre nel vivo del gioco, dribbling solo se ne­cessario, appoggio veloce e zero rischi nelle «zone rosse» del campo. In più tanta personalità, anche nei momenti caldi.

CONFERME – Banega però sa benissimo che 90’ di gran livello non possono basta­re per conquistare la totale fidu­cia di una piazza particolare co­me quella nerazzurra. E le pros­sime tre partite saranno anche la sua prova del nove. Secondo la “Gazzetta dello Sport” de Boer chiederà a Bane­ga di giocare al top tutte le gare in programma prima della seconda sosta internazionale: questo pomeriggio appunto, poi a Praga e al­l’Olimpico contro la Roma. Un filotto da leader.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.