Ardemagni: “Moratti un riferimento. Mou esigente. Hodgson…”

Articolo di
21 ottobre 2016, 13:20
Moratti Mourinho

La redazione de “L’Eco di Bergamo” ha intervistato l’ex dirigente dell’Inter Gianni Ardemagni per parlare della sfida con l’Atalanta di domenica e della sua esperienza di nerazzurro durante la quale ha ricoperto diversi ruoli.

ATALANTA-INTER – «Le due squadre vivono momenti opposti: da una parte ci sono fiducia ed entusiasmo, dall’altra una certa difficoltà. Se l’Atalanta sarà umile e spregiudicata, con un pizzico di follia, sono convinto possa vincere».

GLI ANNI ALL’INTER – «Mi chiamò all’Inter il mio amico Facchetti, persona di grande caratura, educazione e discrezione. L’Inter è un grande club, c’è un’organizzazione impressionante e la figura di Moratti era un riferimento: ora fa effetto pensare alle big italiane in mani straniere. L’obiettivo all’Inter è sempre stato solo uno: la vittoria».

CON MOURINHO – «Quando c’era Mourinho, seguivo i prossimi avversari e relazionavo al settore tecnico, sopratutto a Villas Boas, altro grande allenatore. Mourinho era esigente, ma affabile: se all’esterno pareva antipatico è solo per il personaggio che si è costruito».

VICE DI HODGSON – «Un gentleman, molto simpatico. L’unico limite riguardava una certa schematicità: non so se la partenza di Roberto Carlos fosse causa sua, ma lui si lamentava della propensione offensiva del brasiliano invece di cercare le misure per lasciarlo libero».

DA OSSERVATORE – «Feci relazioni su Candreva, Hazard, Hamsik, prima ancora su Henry, solo che non è mai facile arrivare a certi giocatori. Fa bene ora la Juve ad assicurarsi un gran numero di giovani».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.