Amadeus: “Inter, serve terzino Juve! Pioli OK, al Milan tolgo…”

Articolo di
16 novembre 2016, 21:24
amadeus

Amadeus – noto conduttore di fede nerazzurra -, intervenuto sulle frequenze di TMW Radio come riportato dal portale “Tutto Mercato Web”, si prepara al derby di domenica sera tra Milan e Inter dando anche uno sguardo al mercato invernale

INTER DELUDENTE, FIDUCIA IN PIOLI – Spesso presente a San Siro per assistere alla stracittadina, questa volta Amadeus è “costretto” a fidarsi dell’ultimo arrivato: «Sensazioni per il derby? Ovviamente sono curioso, inizia questa settimana importante. Arriva il derby con un nuovo allenatore in panchina. Il Milan è messo meglio in classifica ed è avvantaggiato: i rossoneri stanno facendo meglio delle aspettative, l’Inter sta facendo peggio. Sono fiducioso su Stefano Pioli: sa come schierare la squadra in campo. I nerazzurri forse sono superiori tecnicamente: potrebbero vincere il derby, ma bisogna giocare come fatto contro la Juventus».

CHI TOGLIERE, CHI COMPRARE – «Come sogno di vincere questo derby? Sono per una gara vinta nettamente, non spero di vincere alla fine con un autogol. Magari spero di vedere l’Inter in grado di vincere con almeno due gol di scarto. Tecnicamente, credo che l’Inter possa essere tra i primi quattro posti in graduatoria. Al Milan toglierei Juraj Kucka: ha sempre fatto delle belle gare contro l’Inter, è forte fisicamente e a centrocampo si fa sempre sentire. Chi prenderei per rinforzare l’Inter? Difficile dirlo, cercherei un buon terzino. Probabilmente Stephan Lichtsteiner oppure Dani Alves. Prenderei un esterno, credo che sia l’anello debole dell’Inter. A destra, ma anche a sinistra».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.