Agresti: “João Mário all’Inter perso appeal, qualcuno lo rilancia”

Articolo di
13 gennaio 2018, 01:07
Stefano Agresti

Stefano Agresti è stato ospite di “Calcio & Mercato” su Rai Sport. Il giornalista, direttore editoriale del sito “Calciomercato.com”, ha parlato delle trattative riguardanti l’Inter e della gestione complessiva da parte di Suning.

MOSSE STRANE«Alessandro Bastoni è un giocatore dell’Inter che sta fermo all’Atalanta ma dovrebbe giocare e non gioca mai, perché l’Atalanta evidentemente preferisce valorizzare i giocatori che sono suoi. L’Inter vorrebbe anticipare l’arrivo di Bastoni, ma ora con l’arrivo di Lisandro López l’operazione può nuovamente slittare all’estate. Era tutto organizzato, Luciano Spalletti ha anche difficoltà ad allenare l’Inter perché non ha quattro difensori centrali, Bastoni poteva essere inserito gradualmente. Suning? Quando ha preso l’Inter non c’erano le limitazioni del governo cinese, infatti l’anno scorso anche se li ha spesi male i soldi li ha spesi. Il Jiangsu Suning in Cina è una squadra seria, Suning non può permettersi di retrocedere col Jiangsu Suning, è un magnate in Cina e Fabio Capello quest’anno ha rischiato di retrocedere. João Mário è un giocatore che ha perso molto appeal sul mercato internazionale dopo quello che ha fatto all’Inter, però chi lo ricorda nel Portogallo campione d’Europa pensa di poterlo rilanciare. Credo che José Mourinho di lui abbia grande considerazione, può essere una situazione. Henrikh Mkhitaryan vuole venire via dal Manchester United e sarebbe il giocatore giusto per l’Inter, l’unica possibilità che ha di poterci arrivare è scambiare João Mário».