Agresti: “Grottesco peso di Kia Joorabchian nell’Inter. Ausilio…”

Articolo di
5 novembre 2016, 01:01
Stefano Agresti

Stefano Agresti punta il dito su una persona in particolare: è Kia Joorabchian, il consulente di Suning che starebbe avendo un peso nella scelta del nuovo allenatore, dopo aver portato in estate João Mário all’Inter. A “Zona 11 PM Mercato” su Rai Sport 1 il direttore del sito “Calciomercato.com” ha caldeggiato l’ingaggio di un tecnico italiano.

RISCHI ESTERNI«In questo momento Marcelino García Toral sembra addirittura in vantaggio rispetto a Stefano Pioli, francamente la situazione è imbarazzante. Soprattutto devo dire che sta assumendo contorni grotteschi il peso che ha Kia Joorabchian, questo agente di origine iraniana, nelle decisioni dell’Inter, è incredibile che questo agente continui a portare giocatori e allenatori e i proprietari cinesi ed Erick Thohir gli danno ragione. È una situazione davvero pazzesca. All’Inter non serve un genio, serve un allenatore che metta i giocatori dove devono stare e che faccia giocare a calcio nella maniera più semplice. Io credo che all’Inter manchi un dirigente di riferimento, deve prendere un dirigente che conosce il nostro calcio e che prende delle decisioni. Francamente Piero Ausilio mi sembra più una vittima, nel senso che subisce le decisioni. La decisione di Ausilio, di Giovanni Gardini e di Javier Zanetti era Pioli. Io credo che o si dà fiducia all’organigramma che c’è oggi o se ne fa uno nuovo, ma certo non si può continuare a essere dipendenti dalle volontà di un procuratore».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.

Riccardo Spignesi

Studente (ancora per poco) all’Università Statale di Milano. Redattore anche per SpazioCalcio.it e BetClic, estremamente fissato con il calcio.