Agresti: “All’Inter serve più un regista di João Mário. Brozović…”

Articolo di
13 agosto 2016, 00:20
Stefano Agresti

Il direttore di “Calciomercato.com” Stefano Agresti, collegato con Sky Sport 24 nell’ultima edizione, ha fornito una sua valutazione su João Mário, centrocampista dello Sporting Clube de Portugal che l’Inter sta trattando. Il suo arrivo in nerazzurro, unito agli altri acquisti già fatti in precedenza, a suo avviso potrebbe rendere meno amara la cessione di Marcelo Brozović, fosse anche alla Juventus.

RISCHIO CALCOLATO«João Mário? Mi è piacuto moltissimo all’Europeo ma i soldi sono tantissimi. Dipenderà tutto da quello che farà vedere in Italia, quando e se arriverà, però la valutazione è molto elevata. È una piccola follia che l’Inter si concede, quindi è anche una scelta che si può fare. È evidente che poi bisogna vedere come Frank de Boer utilizzerà João Mário, perché nell’Inter a mio avviso manca più un regista o un centrocampista centrale che un elemento dalle caratteristiche di João Mário. Non so se de Boer vede Éver Banega in quel ruolo, vedremo quali saranno le sue scelte. Come investimento per il futuro secondo me João Mário può diventare un grande giocatore, ma le cifre sono elevate. A me João Mário piace molto, se il pagamento è dilazionato io credo che Suning possa fare la piccola follia».

VENDITE GROSSE«Mauro Icardi al Napoli? Sarebbe stato davvero un autogol per Suning cominciare così la sua avventura all’Inter, è vero che anche il capitano dell’Inter ha un prezzo e il Napoli si è spinto molto avanti, però credo che Suning voglia fare le cose sul serio e privarsi di Icardi sarebbe un piccolo sgarbo ai tifosi, un segnale non positivo. Poi darlo al Napoli che è una delle due concorrenti principali dell’Inter nella corsa al secondo posto, nel senso che la Juventus sembra fuori portata, non sarebbe un bel segnale. Se l’Inter deve cedere Marcelo Brozović per fare cassa non può stare a fare tante differenze, se è la Juve a offrire questa cifra deve correre il rischio e cederlo, anche perché poi è chiaro che se alla stessa cifra può cederlo alla Juventus o in Premier League è una cosa diversa, la volontà del giocatore incide e l’Inter può cercare di spingerlo verso l’estero, ma se l’unica offerta è della Juve deve rischiare. Se l’Inter conferma Icardi e prende João Mário dopo che ha preso Banega e Antonio Candreva rinforzando la squadra io penso che i tifosi dell’Inter la rinuncia a Brozović la potrebbero anche comprendere, sanno tutti che l’Inter ha degli obblighi nei confronti dell’UEFA e qualche cessione da fare c’è. È vero che i rapporti fra Inter e Juve sono difficili, soprattutto per i tifosi è difficile accettare che un giocatore vada dall’altra parte, Hernanes è un caso particolare».

Facebooktwittergoogle_plusmail