Vallini: “Ecco i tre motivi per cui nell’Inter c’è fiducia”

Articolo di
28 novembre 2015, 15:45
Miranda Murillo

È appena terminato il penultimo allenamento in vista della difficile trasferta di lunedì sera contro il Napoli e la squadra nerazzurra, pur consapevole della forza dei prossimi avversari, si mostra fiduciosa nei propri mezzi, come traspare dall’atmosfera allegra e scherzosa che si respira ad Appiano Gentile

FIDUCIA – Silvia Vallini, in collegamento dal centro sportivo nerazzurro la “Pinetina”, ha spiegato a Sky come Roberto Mancini e i suoi giocatori si stiano preparando alla sfida contro il Napoli di Sarri:
«L’ambiente è molto positivo, lo si è visto nell’allenamento di oggi che pure è durato poco, solo 40 minuti. C’è stata una lezione tattica a voce di Mancini, poi la squadra è scesa in campo per un lavoro prettamente atletico. I giocatori hanno scherzato e riso, l’umore è alto, come dimostra lo scherzodi ieri a Mancini e anche oggi il clima era questo.
La squadra sa però recuperare la giusta concentrazione per lo scontro diretto, ma qualche pausa è concessa, perché si sono allenati bene in settimana. C’è fiducia per tre motivi.
Prima di tutto, per il primatoo: l’Inter non si aspettava di essere prima, da sola, a questo punto della stagione.
Poi c’è la fiducia e la stima in Mancini. Il mister è il leader del gruppo, i giocatori credono in lui e i risultati si vedono.
Infine la tenuta difensiva, che si nota dai risultati. Melo ha detto che Miranda è il miglior giocatore del mondo, magari è un’esagerazione, ma spiega bene la fiducia che i compagni hanno nella difesa. Anche Ljajic ha detto che Higuain si ferma con Miranda e Murillo, perché ha spiegato che ‘Io me li ritrovo spesso davanti in allenamento e so quanto sia difficile superarli.’
E’ diverso dall’anno scorso, quando si scendeva in campo temendo di subire un gol, adesso è il contrario, la squadra scende in campo sapendo che dietro difficilmente concederanno gol. Infatti all’Inter per 7 volte su 13 volte è bastato un gol per ottenere la vittoria. Per questo nell’ambiente c’è fiducia.»