Spalletti: “Inter forte come la Roma, dobbiamo fare attenzione”

Articolo di
1 ottobre 2016, 14:25
Spalletti Roma

Il tecnico della Roma Luciano Spalletti ha parlato in conferenza stampa del posticipo di domani sera dello stadio Olimpico che vedrà la sua squadra affrontare l’Inter di Frank de Boer per il quale ha speso qualche parola.

GRANDE SQUADRA – «L’unico indisponibile per domani è Vermaelen, che la prossima settimana inizierà a riprendere sul campo. Noi fino a questo momento non abbiamo mandato dei segnali precisi e loro (l’Inter ndr) potrebbero avere lo stesso problema. E’ chiaro che quello che diventa fondamentale è far bene e vedere il livello di squadra che abbiamo raggiunto come gioco. Secondo me ci stiamo allenando bene e siamo sulla buona strada. Sono avversari forti, secondo me l’Inter è una squadra forte come la Roma e prima o poi farà vedere tutto il suo valore per cui c’è da stare allerta».

DE BOER – «Prima di tutto non lo conosco, lo conosco pochissimo per quello che ho potuto valutare dai matches giocati dall’Inter, però mi sembra una persona seria e molto professionale. Una società come l’Inter se sceglie un allenatore sa chi va a scegliere, si sa come una persona lavora all’interno del gruppo e lui va lasciato lavorare, ha iniziato ora e sono convinto che poi farà vedere il suo valore. Ha già avuto delle posizioni scomode dove evidenzia di avere una sua personalità e una sicurezza sul proprio ruolo. Ci sono delle situazioni nel nostro calcio che riguardano delle tempistiche che non collimano, abbiamo bisogno di far uscire delle notizie tutti i giorni che poi non combaciano con il progetto di lavoro che riguarda 6, 8, 10 mesi, un anno o due anni dentro il quale bisogna che accadano delle cose e poi viene fuori tutto e si passa da una settimana dove si dice che non è capace a un’altra in cui è un fenomeno. Questa è una necessità di dover chiudere giornalmente delle notizie».

TOTTI – «In campo dal primo minuto? Secondo me è giusto non dare vantaggi a una squadra già forte come l’Inter per cui la formazione non si dice».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.