Sky: i dubbi di Mancini per il Napoli, dalle fasce all’attacco

Articolo di
27 novembre 2015, 16:52
Mancini

Massimiliano Nebuloni, giornalista sportivo esperto di vicende interiste, ha oggi analizzato l’Inter, reparto per reparto, cercando di prevedere le scelte di Roberto Mancini in vista della trasferta di lunedì sera al San Paolo contro il Napoli

DIFESA – Mancini in difesa punterà sulla coppia Miranda Murillo. È vero che l’Inter ha preso 4 gol nella folle notte con la Fiorentina, ma nelle restanti partite ne ha presi solo 3. Questo sottolinea la forza della coppia difensiva davanti ad Handanovic: con loro i nerazzurri hanno preso solo 2 gol. Il turnover maggiore Mancini lo ha attuato sulle corsie laterali. La domanda è chi giocherà oltre a Nagatomo. Il giapponese oggi è stato provato sinistra. Lunedì potrebbe giocare con D’ambrosio, o potrebbe slittare a destra con Juan Jesus a sinistra se Mancini volesse blindare la difesa.

CENTROCAMPO – A centrocampo mancherà Kondogbia. Al suo posto Mancini opterà o per un giocatore magari più propositivo rispetto a Melo e Medel, come Brozovic. Oppure Mancini sceglierà un centrocampo più solido con Medel e Melo – oltretutto Medel è più fresco non avendo giocato domenica – giocando con un centrocampista più propenso ad avanzare come Guarin o Brozovic. Immaginiamo che Mancini toglierà un giocatore d’attacco per un centrocampista in più. Il Napoli merita un’attenzione in più non solo per il reparto avanzato, ma per bloccare i rifornimenti ai suoi attaccanti.

ATTACCO – Icardi a sensazione ci sarà. Mancini lo ha provato spesso negli ultimi giorni, in più lui è un giocatore che malsopporta la panchina. L’anno scorso segnò il gol del 2 a 2 negli ultimi minuti con uno scavetto che fece scalpore e questo dimostra il carattere del giocatore. Insieme a lui dovrebbero esserci due tra Ljajic, che oggi Mancini non ha schierato, Perisic e Jovetic.
Nei prossimi giorni proveràl’ assetto, ma contro una difesa come quella del Napoli penso che siano maggiori i pro rispetto ai contro rispetto al fatto di schierare un 9 come Icardi.