Santon dubbio di de Boer: Inter con terzini titolari o no?

Articolo di
19 ottobre 2016, 23:23
Santon

Contro il Southampton non saranno ammessi passi falsi, pertanto de Boer sceglierà la formazione migliore per la sua Inter versione europea. L’unico grande dubbio è legato alle fasce difensive: Santon ci sarà?

DUBBIO SANTON – Nei giorni scorsi Frank de Boer ha affermato che l’Inter è ormai pronta (perché costretta…) a giocare una partita ogni tre-quattro giorni, ma allo stesso tempo ha specificato che Davide Santon non riesce a garantire la presenza da titolare nel doppio impegno. Titolare e in campo fino alla fine nella sconfitta contro il Cagliari, Santon anche contro il Southampton è dato titolare a sinistra: ma ci sarà? La sua presenza da protagonista in conferenza stampa farebbe pensare al sì, ma non è un elemento valido per credere che sia così. Le alternative non sono chissà quanto invitanti, Senna Miangue è perfino rimasto fuori dalla lista dei convocati.

ALTRO TERZINO – A quanto pare a riposare, infatti, potrebbe non essere Santon, ma l’altro titolar: Cristian Ansaldi, appena rientrato da un lungo stop, non sembra ancora garantire il completo minutaggio e sarebbe dunque una sostituzione certa a partita in corsa. Per questo motivo de Boer potrebbe far riposare lui, riproponendo dal primo minuto Yuto Nagatomo, che al momento sembra favorito su Danilo D’Ambrosio per il ruolo di terzino destro. Alla qualità offensiva di Ansaldi, però, si fa fatica a rinunciare oggi e, siccome i due terzini appena citati possono anche agire a sinistra, non è detto che alla fine non sia proprio Santon a rifiatare. Domani de Boer scioglierà questo dubbio.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.