Nebuloni: “Inter-Genoa, Palacio favorito su Icardi”

Articolo di
4 dicembre 2015, 17:56
palacio icardi

Altro aggiornamento di giornata da parte dell’inviato di Sky Massimiliano Nebuloni, che da Appiano Gentile ha fatto il punto sulla possibile formazione che schiererà Mancini nella partita di domani contro il Genoa. Cinque sono i giocatori sicuri, mentre i dubbi più grossi sono in attacco con un ballottaggio Palacio-Icardi.

PROBABILE FORMAZIONE – «I giocatori che a Mancini danno più garanzie sono sicuramente i difensori, anche perché sono tra i 5 giocatori che ha rivelato della formazione che affronterà col Genoa: Handanovic, Murillo, Miranda, Melo e Jovetic. Sugli altri invece c’è ancora nebbia. Qualcosina cambierà rispetto alla partita di lunedì, si va verso la conferma di Ljajic che è l’attaccante più in forma come ha dimostrato nelle ultime 2 partite. Un dato curioso è che gli ultimi 7 gol dell’Inter sono arrivati da 7 giocatori differenti. In attacco poi c’è il ballottaggio Icardi-Palacio, con quest’ultimo favorito perché non dà punti di riferimento in attacco e che in una partita complicata come quella col Genoa, che a San Siro ha sempre fatto bene, potrebbe starci decisamente bene, quindi andiamo verso una formazione con Icardi in panchina dall’inizio e Palacio titolare».

CASO ICARDI – Icardi è uno dei giocatori più chiacchierati dell’Inter al momento e ci si interroga se il suo calo sia dovuto a lui o al nuovo modo di giocare della squadra. Ecco l’opinione di Nebuloni a riguardo: «Chiaramente se la squadra miete risultati e vittorie, al di là della parentesi del San Paolo, e la classifica la sta premiando significa che sono più le colpe di Icardi, che dovrebbe fare di più per andare incontro alle esigenze della squadra. Mancini oggi ha usato più il bastone che la carota con lui, visto che ha fatto riferimento al gioco statico del suo numero 9 sottolineando che in una grande squadra gli attaccanti devono aiutare. Questo significa che l’argentino deve aiutare di più e fare certi movimenti che non è abituato a fare. Ci arriverà col tempo, anche perché in questo momento non sta neanche troppo bene fisicamente e deve crescere sotto questo punto di vista».