Martusciello: “Inter squadra di fenomeni, servirà lucidità”

Articolo di
20 settembre 2016, 15:01
Martusciello

Il tecnico dell’Empoli Giovanni Martusciello ha parlato in conferenza stampa della sfida di domani sera contro l’Inter sostenendo che la vittoria di domenica dei nerazzurri con la Juventus non sia stata affatto casuale.

INTER GRANDE SQUADRA – Queste le sue parole riportate dal sito di Gianluca Di Marzio: «L’Inter è una squadra forte, importante. Ha giocatori meravigliosamente forti. Vincere contro la Juventus può sembrare una casualità per il loro recente passato, ma alla fine i valori sono uguali. E’ una squadra di fenomeni. C’è grande curiosità di affrontarli. Domani mi aspetto continuità nella prestazione, non dare per scontato il risultato negativo. Dobbiamo mettere in campo il senso di appartenenza. Si respira l’aria giusta nello spogliatoio, quell’alchimia che negli anni ci ha portato serenità e gioia. Vedo una squadra serena e concentrata, vogliono affrontare grandi campioni. Il nostro campione è il concetto di squadra. Le condizioni fisiche? La squadra sta bene, nonostante abbiamo giocato 48 ore fa. Abbiamo un altro giorno per recuperare energie, ho bisogno di una squadra che sai fresca e lucida domani. All’Inter possiamo dare fastidio solo con queste caratteristiche e ho bisogno di giocatori al top. Dimarco? C’è da riflettere non solo su quella posizione ma anche su altre, mi prendo altre 24 ore per decidere. L’Inter sembra poco organizzata ma vi assicuro che non lo è. E’ una squadra forte, quasi superiore tecnicamente alla Juve. Diousse? Devo valutare bene quelli che sono i giocatori che mi garantismo lucidità e corsa».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.