Mancini: “Questi sono i giocatori che ora guidano la squadra”

Articolo di
2 maggio 2015, 14:51
Mancini

Alla vigilia di Inter-Chievo, in programma domani pomeriggio a San Siro, Roberto Mancini ha parlato alla stampa nella consueta conferenza stampa di presentazione del match. Questa la seconda parte delle sue dichiarazioni.

LA TRAPPOLA DEL CHIEVO – “Nel calcio può accadere di tutto, ma noi abbiamo la qualità per continuare lungo la strada intrapresa. Ogni partita nasconde insidie e difficoltà. Prima di tutto pensiamo a domani e vediamo se vinceremo.Poi ci sarà la Lazio e lì non conta che sia seconda, perché può esserci qualsiasi risultato. E lo stesso discorso vale per la Juventus.”

LE DIFFIDE – “Possono influire le diffide di Hernanes e Palacio? No, non influiscono. Non lo hanno fatto prima del derby quelle di Brozovic e Guarin e non accadrà ora. Se dovessero essere ammoniti, giocheranno altri al posto loro. Poi un giocatore può amministrare una diffida. Pensate a Rugani, il difensore dell’Empoli: in 33 partite non ha preso nemmeno un’ammonizione. Un attaccante, se fa attenzione, può evitare di prendere un giallo.”

ASSEMBRAMENTO IN ZONA EUROPA LEAGUE – ” Cosa mi aspetto per il finale nella lotta all’Europa League? Credo sia un finale molto bello. Credo che tutte le squadre che sono lì possano giocarsi un posto. Non dico il quarto, perché il Napoli resta favorita: ha un calendario non difficilissimo ed è in vantaggio anche per il terzo posto. Ma le altre possono tutte arrivare quinte o seste. Per l’Inter molto dipenderà da domani. E anche dal risultato delle altre. Noi siamo dietro e qualcosa deve andare bene per farci avanzare.”

ZUKANOVIC – “Stiamo valutando tanti giocatori. Ho letto dell’interessamento: sarà uno che stiamo seguendo, come ne stiamo seguendo altri. Penso sia buon giocatore, ma non so se verrà all’Inter o, invece, verrà qualcun altro.”

LEADER IN CAMPO E FUORI -“Chi è stato il riferimento in questa striscia positiva? Penso che non ci sia un giocatore solo. Credo che i più esperti – Palacio, Guarin, Medel e Vidic – in questo momento stiano facendo bene. E mettono a disposizione dei compagni la loro qualità ed esperienza. Quelli più esperti stanno dando di più per la squadra.”

VALUTAZIONE DELLA STAGIONE – “Rammarico per la prima parte della stagione? Non so: io posso parlare di quando sono arrivato. Per me la stagione resta negativa, perché le mie aspettative erano altre. Se poi dovessimo arrivare quinti, pensando a come si era messa, va detto che non sarebbe poi così male. Però, per me, resterebbe comunque negativa: perché io volevo il terzo o il secondo posto. Questa è una cosa personale.”

QUINTO POSTO E TOURNE’ ESTIVA – “Il quinto posto potrebbe influire per gli impegni estivi? Onestamente la tournè non è che sia la cosa più importante del mondo. Si va per giocare insieme e per mettere insieme la squadra per il prossimo campionato. E’ un tragitto di avvicinamento al campionato. Vedremo che succederà, se arriveremo quinti oppure no. Serve per il marchio Inter nel mondo.”

Questa la prima parte della conferenza stampa di Roberto Mancini