Mancini: “La sentenza FPF non cambia nulla, anzi l’Inter…”

Articolo di
9 maggio 2015, 14:01
Mancini

Roberto Mancini ha oggi incontrato i giornalisti ad Appiano Gentile per l’abituale conferenza stampa pre-match. Domenica sera la sua Inter sfiderà la Lazio sul prato dell’Olimpico e per il mister, che proprio in biancoceleste ha iniziato la sua carriera da allenatore, sarà come confrontarsi con il proprio passato. Questa la prima parte delle sue dichiarazioni.

FORMAZIONE ANTI LAZIO – “Ho ancora un dubbio per domani. In che settore? In difesa.”

PUNTI DI FORZA – “Quali giocatori in questa fase finale potrebbero dare di più? Tutti possono dare qualcosa, visto che lavorano e si allenano  bene. Anche quelli che entrano a partita in corso, come successo con la Roma – e un po’ meno con il Chievo – possono dare qualcosa. Devono essere tutti pronti a dare il massimo, anche se giocano per soli 10 minuti: devono tutti dare qualcosa per la squadra.”

CASA O TRASFERTA – “Meglio giocare in trasferta e contro la Lazio che non si chiude? A livello tattico è probabile: la Lazio è una squadra che gioca bene e a viso aperto. Però la cosa più bella che c’è è giocare a San Siro: a casa nostra. Noi ora un po’ lo patiamo, ma San Siro è uno degli stadi più belli del mondo e giocarci è la cosa più bella.”

FAIR PLAY FINANZIARIO – “Io credo che l’Uefa abbia capito che l’Inter sta cercando di fare le cose nel modo giusto. Poi ci vorrà tempo. Ma questa sentenza, in linea di massima, non cambierà i nostri obiettivi sul mercato. Per raggiungere la parità di bilancio abbiamo bisogno di una squadra che vinca e arrivi in Champions. La Uefa ha apprezzato la buona volontà dell’Inter e la multa è stata limitata e questo è importante.”

TOURE’ – “Non so perché dovrebbe scegliere l’Inter: non gli ho parlato. Lui è un giocatore del City in questo momento. Quando inizierà il mercato tutte le grandi squadre vorranno, come sempre, i giocatori più bravi. Quindi intorno a lui, come intorno ad altri, ci saranno tante squadre.
Il rapporto che abbiamo potrebbe portarlo a scegliere l’Inter? Certo, potrebbe contare, ma sempre se il City deciderà di venderlo. Se lui vorrà andare via e se questo potess accadere… certo, potrebbe darci un vantaggio. Ma ora non c’è niente di concreto e quindi pensiamo alla Lazio.”

LAZIO O ROMA PER LA CL – “Per chi tifo in questa corsa alla Champions? Nella Lazio ho giocato e poi l’ho allenata: è chiaro che ho un rapporto particolare. Però entrambe hanno fatto un grandissimo campionato. Dispiace che non ci siano 4 squadre che vanno in Champions. La Roma ha giocato un gran campionato, ha avuto un calo, ma ora si è ripresa. Sono state tutte e due grandissime in campionato e quindi sarà una bella lotta fino alla fine.”

FIDUCIA PER IL FUTURO – “La sentenza del FPF non cambia nulla in questa corsa all’Europa League. Noi faremo l’impossibile per arrivarci. E’ una lotta serrata, perché ci sono tante squadre in pochi punti. Non cambia nulla e noi  facciamo l’impossibile. Se anche non dovessimo qualificarci, questo non cambia il fatto che l’Inter è un grande club e anno prossimo lotterà per grandi traguardi. Noi pensiamo che la squadra sia migliorata – certo, ha ancora delle lacune e le avrà sempre – ma io sono positivo per queste partite che mancano e sono certo che la squadra farà bene.”

Questa la seconda parte della conferenza stampa di Roberto Mancini