Inter-Sparta Praga: la probabile formazione dell’Inter di Pioli

Articolo di
8 dicembre 2016, 16:16
pioli-probabile-formazione-2016

E’ in programma per stasera, alle ore 21.05, Inter-Sparta Praga, partita valida per la 6a e ultima giornata del Gruppo K di Europa League. Dopo l’eliminazione ufficiale in seguito alla sconfitta di Be’er Sheva, l’Inter va in campo con un undici rimaneggiato. Vediamo la probabile formazione dell’Inter di Pioli

INDISPONIBILI – Il tecnico nerazzurro ha convocato diciotto giocatori, compresi i primavera Zonta, Bakayoko e Pinamonti. Oltre ai quattro esclusi dalla Lista UEFA (Kondogbia, Joao Mario, Jovetic e “Gabigol” Barbosa) e allo squalificato Handanovic, non fanno parte della lista dei convocati quattro infortunati e cinque titolari esclusi per scelta tecnica: Radu, Medel, Banega e Gnoukouri, quest’ultimo out last minute e sostituito da Nagatomo, inizialmente lasciato a casa per scelta tecnica; Miranda, D’Ambrosio, Brozovic, Candreva e capitan Icardi.

MODULO – Trattandosi di una partita inutile dal punto di vista degli stimoli e del risultato, Pioli ha intenzione di effettuare un largo turnover per testare un nuovo modulo che potrebbe fungere da svolta tattica per la stagione dell’Inter: si va verso il 3-4-3, necessario sia per valutare la difesa a tre sia per insistere sul tridente offensivo senza perdere la spinta sulle corsie laterali data dagli esterni di centrocampo. Il forfait di Gnoukouri a circa cinque ore dall’inizio della gara stravolge i piani tecnico-tattici di Pioli, che potrebbe essere costretto a rivedere qualcosa (possibile il 3-5-2 per mantenere la difesa a tre o il 4-1-4-1 in emergenza).

DIFESA – Le prove di difesa a tre lasciano pochi dubbi a Pioli: Carrizo in porta; linea a tre guidata da Ranocchia al centro con ai lati Murillo e Andreolli. Da capire se Murillo agirà sul centro-destra (come sempre quando si è trattato di difesa a tre finora) o sul centro-sinistra, dove invece quest’anno Andreolli ha già giocato un tempo con l’Inter Primavera contro il Crotone.

CENTROCAMPO – Solo due elementi a disposizione in mezzo al campo, dove il reparto verrà completato dall’avanzamento dei terzini o dall’arretramento delle ali, qualcuno potrebbe addirittura giocare fuori ruolo: Melo è l’unico sicuro del posto al centro, al suo fianco l’infortunio di Gnoukouri apre le porte a Zonta, che si gioca una maglia da titolare con gli esterni a disposizione di Pioli (Miangue, Nagatomo e Bakayoko); sulla fascia destra dovrebbe tornare Santon, mentre a sinistra ci sarà Ansaldi, squalificato in campionato, a meno che Pioli non decida di proporre Miangue a sinistra al posto di Santon, spostando l’argentino a destra.

ATTACCO – Tridente offensivo in versione turnover: Biabiany tornerà titolare largo a destra, invece a sinistra ci sarà Eder; il terminale offensivo sarà Palacio che, oltre a prendere il posto di Icardi in area di rigore, sarà anche il capitano di serata. In caso di attacco di coppia, Biabiany verrà scalato a centrocampo come quinto di destra, mentre continuano ad aumentare le chance di titolarità del baby Pinamonti: a farne le spese sarebbe un difensore-centrocampista, con il decentramento di Palacio rispetto all’area di rigore.

FORMAZIONE – Ecco dunque il probabile undici titolare dell’Inter che affronterà lo Sparta Praga: Carrizo; Murillo, Ranocchia, Andreolli; Santon, Zonta, Melo, Ansaldi; Biabiany, Palacio, Eder.

ISPPF

In panchina: Berni; Yao, Miangue, Nagatomo; Bakayoko, Perisic, Pinamonti.