Biabiany resta a casa, niente Empoli-Inter: effetto Gabigol?

Articolo di
20 settembre 2016, 22:08
Jonathan Biabiany

Appena rese note le convocazioni per Empoli-Inter di domani ha lasciato più di qualche dubbio l’assenza di Biabiany, tagliato dalla lista dei ventiquattro presentata da de Boer: quale motivazioni si nascondono dietro questa scelta? Al momento non sono arrivate comunicazioni ufficiali, ma il buon senso fa credere all’effetto Gabigol

BIABIANY ESCLUSO – Se da una parte è scontata la non convocazione dello squalificato Ever Banega e dell’indisciplinato Marcelo Brozovic – al momento ai margini della rosa finché non rientrerà nelle grazie di Frank de Boer, dall’altra stupisce l’assenza di Jonathan Biabiany, la cui disciplina non è mai stata in discussione. In attesa di capire se l’ala francese ha subito qualche acciacco nell’ultima seduta di allenamento, la sua non convocazione può essere giustificata in termini numerici: de Boer, infatti, può portare sul terreno di gioco solo 23 giocatori (11 in campo, 12 in panchina), pertanto convocarne 24 equivale a lasciare in tribuna solo l’uomo spogliatoio Tommaso Berni (terzo portiere, tra l’altro inizialmente neanche incluso nella Lista Serie A consegnata il 1° settembre alla Lega).

EFFETTO GABIGOL – Tra i ventiquattro convocati di de Boer appaiono, come doppia grande novità, sia Cristian Ansaldi sia Gabriel “Gabigol” Barbosa. Ansaldi, rientrato dopo un periodo di infortunio, si candida addirittura per un posto da titolare, ma difficilmente de Boer lo farà debuttare dal primo minuto: intanto siederà in panchina, dove il posto – rispetto a Inter-Juventus – gli verrà liberato da colui che giocherà al posto di Banega. Gabigol, al contrario, ha bruciato le tappe strappando la prima convocazione con una giornata d’anticipo rispetto a quanto preventivato, dunque verrà portato in panchina e magari debutterà anche nei minuti finali, se la partita fosse già indirizzata verso i binari giusti. A farne le spese, dunque, è proprio Biabiany, ultimo elemento offensivo in rosa nelle gerarchie (sono otto gli attaccanti di cui dispone de Boer) costretto a fare spazio alla new entry Gabigol. Sia a centrocampo sia in difesa, infatti, la coperta è piuttosto corta: l’unico taglio poteva essere fatto in attacco, così de Boer eviterà a Biabiany una trasferta che gli sarebbe costata una tribuna annunciata. Al fianco di Berni.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.