Santon: “Inter male in costruzione e approccio. La punizione…”

Articolo di
2 ottobre 2016, 23:58
Santon

Davide Santon – intervistato da microfoni di “Rai Sport” durante la diretta della “Domenica sportiva” su Rai 2 -, commenta la sconfitta di Roma facendo una considerazione sugli attuali limiti dell’Inter

ERRORI BANALI – Secondo Davide Santon il primo problema parte da dietro, ma non dalla difesa: «E’ stata una bella partita, noi abbiamo fatto troppi errori in fase di costruzione. La Roma ha giocatori velocissimi davanti, hanno vinto loro, ma nel secondo tempo abbiamo controllato molto bene la gara. Poi abbiamo concesso la punizione del 2-1 e da lì in poi è stata dura. Abbiamo avuto fiducia dopo il loro gol e dopo l’1-1, perché la Roma ci dava spazio per giocare, ma il 2-1 ci ha tagliato le gambe».

OBIETTIVO CHAMPIONS – «Dobbiamo lavorare perché andiamo sempre sotto 1-0 e con squadre così forti diventa difficile recuperare. Oggi ci siamo riusciti, ma loro hanno segnato subito dopo. L’obiettivo dell’Inter è tornare in Champions League, però per arrivare nei primi tre posti dobbiamo migliorare l’approccio alla partita: se vai sotto dopo cinque minuti diventa dura, però in squadra ci sono giocatori con qualità importanti. Dobbiamo continuare come fatto nel secondo tempo e dare tutti di più, sperando di portare a casa più punti nelle prossime partite».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.