Santon a Sky: “Vittoria importantissima. Conta il risultato”

Articolo di
20 ottobre 2016, 21:53
Santon

Davide Santon è stato intervistato da Sky Sport dopo l’importante vittoria in Europa League ottenuta dall’Inter a San Siro per 1-0 contro il Southampton. Decisiva la rete nel secondo tempo segnata da Antonio Candreva.

«Penso sia stata una partita sofferta e difficile però importantissima perché se stasera non avessimo fatto risultato sarebbe stata dura. Tante volte non si gioca benissimo ma i tre punti sono fondamentali. Il primo tempo abbiamo sofferto anche perché non avevamo capito bene il loro modulo con i terzini che si alzavano molto, nella ripresa abbiamo coperto meglio il campo abbassando le ali. Dopo l’espulsione sono stati 10 minuti difficili però alla fine siamo riusciti a portare a casa il risultato e quello è stato importante. La squadra aveva bisogno di fiducia e questa è stata la partita giusta, adesso andiamo a Bergamo contro una squadra che sta bene però noi andremo là con la testa giusta, daremo il massimo per portare a casa la vittoria. Sinceramente no però il calcio è strano, l’unica cosa che non ho mai fatto è stata quella di mollare allenandomi al massimo nonostante un’estate difficile. Sto cercando di dare il mio contributo alla squadra però non ho ancora fatto niente, è solo la prima vittoria dopo un periodo difficile. Una grande squadra deve avere continuità e non accontentarsi di una vittoria di stasera. Sicuramente c’è un clima più tranquillo, quando vinci in casa è sempre importante il pubblico anche stasera ci è sempre stato vicino e ci ha aiutato e questo è fondamentale, quando giochi in casa e come se giocassimo uno in più con il pubblico e oggi si sono sentiti tantissimo, dobbiamo andare avanti così con la mentalità giusta per portare a casa i tre punti».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.