Pagelle Sampdoria-Inter: Eder ci prova, Banega spento

Articolo di
30 ottobre 2016, 23:12
eder

L’Inter non riesce a dare continuità al risultato contro il Torino e perde 1-0 contro la Sampdoria. I ragazzi di de Boer cercano di creare gioco, ma si fanno infilare in contropiede dagli avversari. Bene Eder che tenta di scardinare la difesa dei blucerchiati, male Banega e Murillo. Analizziamo la gara con le pagelle

HANDANOVIC 6: Sempre attento e concentrato tra i pali, non può far nulla in occasione del gol della Sampdoria. Interpreta con grande attenzione il suo ruolo, ma non può bastare se la fase difensiva fa acqua da ogni parte.

ANSALDI 6: Interpreta bene la doppia fase di gioco, ma sbaglia veramente tanto tecnicamente. Arriva sempre sul fondo con abnegazione, ma sono pochi i cross giusti.

MIRANDA 6: Cerca di gestire al meglio la difesa, ma in diverse occasioni sbaglia anche lui. Impostare la manovra non è il suo forte, questa sera alterna cose buone a errori banali.

MURILLO 5: Altra brutta serata per l’irriconoscibile colombiano. Muriel lo mette costantemente in difficoltà, lui sbaglia ogni scelta nell’interpretazione della linea difensiva. Male soprattutto in occasione del gol decisivo.

SANTON 6: Difensivamente parte male nel primo tempo, non trovando il posizionamento giusto tra la fascia e il centrale di difesa. Migliora sensibilmente nel secondo tempo, soprattutto in fase offensiva, ma non basta.

BROZOVIC 6: Interpreta il ruolo di interno di centrocampo in maniera moderna, allargandosi e inserendosi con grande puntualità. Bene tatticamente, ma molto male tecnicamente: sono troppi i cross e gli assist sbagliati.

JOAO MARIO 6: Parte molto bene come nel match contro il Torino. Si fa sentire fisicamente a centrocampo e ripulisce diversi palloni complicati. Si perde in maniera preoccupante nei 30 minuti finali, quando saltano gli schemi.

BANEGA 5: Non è al meglio fisicamente e si vede, la sua prestazione questa sera è deludente. Tatticamente sbaglia molto in fase difensiva, facendo fatica a coprire. In attacco, si vede poco: un paio di assist filtranti, poi poco altro.

CANDREVA 6: Il suo ruolo non si discute. E’ prezioso in ogni fase di gioco, ma deve variare il suo ventaglio di scelte. Crossa a ripetizione, ma senza riuscire a incidere in maniera significativa sulla gara.

PALACIO 6: Entra bene in partita, sfiorando la rete proprio negli istanti finali. La sua esperienza potrà essere fondamentale a gara in corso.

ICARDI 5,5: Questa sera non riesce a incidere in maniera significativa sull’incontro. Lotta per la squadra, ma non sfrutta i pochi palloni giocabili. Gara opaca dopo la grande serata contro il Torino.

EDER 6,5: Sembra certamente il più brillante in campo per l’Inter. Attacca bene, interpretando al meglio il 4-3-3. Semina avversari creando qualche occasione significativa, ma cala nella ripresa.

PERISIC 6: Il suo ingresso rischia di essere decisivo. Le sue discese potevano essere fondamentali sulla fascia sinistra: probabilmente il cambio doveva essere anticipato.

DE BOER 5,5: L’ennesima sconfitta fa sprofondare l’Inter in classifica e non è accettabile. La squadra gioca bene, ma la fase difensiva non esiste e la sensazione è che gli avversari possano sempre far male in contropiede. Bisogna attaccare anche centralmente, non solo sugli esterni.

SAMPDORIA: Puggioni 6, Sala 5,5, Silvestre 6, Skriniar 6,5, Regini 6, Barreto 6,5, Torreira 6, Linetty 6, Fernandes 6, Muriel 7 (Alvarez SV), Quagliarella 7 (Budimir 5,5). All. Giampaolo 7

 

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Basta

Alessandro Basta

Alessandro Basta ha 19 anni e vive a Cosenza, dove è nato. Inizia a scrivere a 13 anni per un piccolo forum sportivo, per poi proseguire la sua attività di scrittura per un blog calcistico, in uno spazio dedicato interamente all’Inter, dove scrive editoriali. A 17 anni, arriva l’esperienza maggiormente formativa, presso InterCafè, blog in cui crescono contestualmente passione, ambizione ed esperienza rispetto alla scrittura sull’Inter. Tifoso interista fin dalla nascita, non potrebbe vivere senza.