Pagelle Inter-Fiorentina: Icardi magnifico, Handanovic horror

Articolo di
28 novembre 2016, 23:29
icardi

L’Inter batte la Fiorentina conquistando tre punti fondamentali per morale e classifica, ma non tutto è andato per il verso giusto, nonostante il punteggio di 4-2. Grande prova di Mauro Icardi che realizza una stupenda doppietta, mentre Handanovic si rende protagonista negativo tra i nerazzurri. Analizziamo il match con le pagelle

HANDANOVIC 5: Che non sia in serata si intuisce già nei primi interventi nel match. Il portiere è sempre insicuro nelle respinte, poi fa la frittata compiendo una mezza papera sul tiro di Ilicic.

D’AMBROSIO 6: Sbaglia il posizionamento in occasione del gol di Kalinic, ma poi è perfetto per tutta la partita. Spinge con grande continuità e non perde un contrasto. Si rende protagonista anche di alcuni recuperi notevoli.

RANOCCHIA 6,5: Pioli lo sceglie e lui non tradisce. Il centrale questa volta non sbaglia praticamente nulla, intervenendo con precisione. Forse compie qualche fallo di troppo: deve gestire l’avversario senza concedere troppe punizioni.

MIRANDA 6: Non è ancora il miglior Miranda, ma migliora rispetto alle ultime prove. Sbaglia un paio di chiusure semplici per il suo livello, ma poi cresce sensibilmente nella ripresa.

ANSALDI 6,5: Torna finalmente ai suoi livelli dopo una prima parte di stagione opaca. Chiude bene su ogni avversario, poi attacca e si sovrappone con grande continuità e pericolosità.

BROZOVIC 7: Prosegue nella sua striscia di prestazioni positive. Apre le marcature con un gran gol e comanda il centrocampo sia in fase di regia che di pressing. Cala vistosamente nel secondo tempo.

KONDOGBIA 6: Migliora da schermo davanti la difesa, limitando gli eccessi e controllando la sua zona con la sua fisicità.

JOAO MARIO 5,5: Pioli lo inserisce per mettere ordine e lui inizialmente ci riesce, poi compie alcuni errori clamorosi per il suo livello. Deve crescere in precisione e cattiveria.

CANDREVA 7: E’ uno dei nerazzurri più pericolosi in campo. Attacca bene sulla fascia destra e sforna tiri e cross, realizzando anche un’ottima rete per tempismo.

EDER SV: Non tocca praticamente nessun pallone, ma contribuisce alla fase di pressing dell’Inter.

BANEGA 6,5: Benissimo nel primo tempo, cala nella ripresa. Fa girare il pallone con grande qualità e sforna assist ottimi per gli esterni, ma quando cala la condizione fisica perde palloni sanguinosi.

MELO 6: Pioli lo rispolvera per garantire fisicità e lui gioca una parte finale di gara senza sbavature.

PERISIC 6,5: Deve trovare maggiore concretezza quando si tratta di segnare, ma per movimenti e tattica la sua gara resta positiva. Punta avversari e sforna ottimi cross; manca al tiro.

ICARDI 7,5: Si conferma letale, rendendosi protagonista di un’altra doppietta decisiva. Il primo gol mette in mostra tutto il suo repertorio, il secondo chiude la gara. Bene anche nei movimenti per la squadra e nel comandare il pressing.

PIOLI 6,5: L’Inter inizia ad avere il suo marchio, ma deve imparare a gestire il vantaggio accumulato. Attaccare con tanta enfasi anche sul 3-0, fino ad esporsi ai contropiede della Viola, è stato un rischio evitabile. Bisogna gestire e controllare.

FIORENTINA: Tatarusanu 5,5, Salcedo 5, Rodriguez 4, Astori 5,5, Milic 5,5 (Tomovic 6), Borja Valero 6,5, Badelj 6,5, Tello 5,5 (Perez 6), Bernardeschi 6 (Chiesa 5,5), Ilicic 7, Kalinic 6,5. All. Sousa 6

 

 

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Basta

Alessandro Basta

Alessandro Basta ha 19 anni e vive a Cosenza, dove è nato. Inizia a scrivere a 13 anni per un piccolo forum sportivo, per poi proseguire la sua attività di scrittura per un blog calcistico, in uno spazio dedicato interamente all’Inter, dove scrive editoriali. A 17 anni, arriva l’esperienza maggiormente formativa, presso InterCafè, blog in cui crescono contestualmente passione, ambizione ed esperienza rispetto alla scrittura sull’Inter. Tifoso interista fin dalla nascita, non potrebbe vivere senza.