Pagelle Inter-Chievo: Perisic incontenibile, Skriniar maestoso

Articolo di
3 dicembre 2017, 17:26
perisic

L’Inter supera il Chievo con il punteggio di 5-0, dominando dall’inizio alla fine e rischiando solo in rare occasioni. Salgono in cattedra Ivan Perisic, autore di una tripletta, e Milan Skriniar. Analizziamo il match con le pagelle

HANDANOVIC 6,5: Si fa trovare pronto quando è chiamato in causa, non sbagliando praticamente nulla.

D’AMBROSIO 6,5: E’ perfetto dal punto di vista tattico, spingendo quando è richiesto e con la consueta grinta in fase difensiva.

DALBERT 7: Entra nel match con grande personalità, creando un paio di ottime opportunità.

RANOCCHIA 6,5: E’ attento in fase difensiva, non compiendo nessun errore evidente. Sbaglia qualche gol di troppo di testa e a volte è un po’ irruento. La sua prova è comunque positiva.

SKRINIAR 7,5: Ennesima prova di disarmante personalità per il centrale ex Sampdoria. Domina in anticipo sulle punte avversarie e segna anche un gran gol dopo una discesa stupenda.

SANTON 7: Sembra un altro calciatore rispetto alle ultime stagioni. Spinge con continuità e non sbaglia praticamente nulla in fase difensiva.

BORJA VALERO 7: Chiamatelo Professore. Domina con la sua qualità a centrocampo, impostando ogni azione dell’Inter. Si sbatte anche in fase difensiva con discreti risultati.

JOAO MARIO 6: Torna in campo e gioca una buona gara con qualche errore di troppo. Si divora un paio di gol nel primo tempo, poi nella ripresa migliora nettamente controllando il possesso palla.

CANDREVA 7,5: Un motorino continuo sulla fascia destra. Sforna assist a ripetizione e sbaglia pochissimo sia nei cross che nelle scelte. Manca solo il gol.

KARAMOH 6,5: Dieci minuti di grande qualità per il francese. Sfiora un gran gol e mostra alcune delle sue grandi qualità.

BROZOVIC 7,5: Fa la differenza collegando centrocampo e attacco. Sbaglia pochissimi palloni e mostra giocate di altissima scuola. Sfiora il gol con un paio di stupende conclusioni.

PERISIC 8,5: E’ assolutamente incontenibile in ogni azione. Punta regolarmente l’avversario ed è letale in area di rigore. Un concentrato puro di qualità e potenza fisica.

ICARDI 7: E’ un pericolo costante nell’area di rigore avversaria. Anche oggi timbra il cartellino e mostra i suoi miglioramenti nel gioco con la squadra.

EDER 6: Spalletti gli regala metà tempo. L’attaccante si sbatte, ma non riesce a mettersi in grande evidenza.

SPALLETTI 8: L’Inter ha il suo marchio ben impresso in ogni azione. La fase difensiva è stata solida, nonostante le assenze, mentre l’attacco si è confermato letale. Ora non bisogna mollare.