L’Inter a Torino si arrocca sulla solidità difensiva – CdS

Articolo di
10 dicembre 2017, 11:58

Il “Corriere dello Sport” sottolinea la solidità della difesa dell’Inter, nettamente il dato più positivo della trasferta di Torino. Per il resto la Juventus si è dimostrata superiore, anche come condizione fisica.

PARTITA IN MANO ALLA JUVE – Se l’Inter ha la miglior difesa del campionato una ragione c’è. Ed è la stessa ragione per cui la Juve non ha segnato in casa dopo 45 partite e in assoluto dopo 44. L’ultimo 0-0 in casa bianconera risaliva al novembre 2012 contro la Lazio. Con questa difesa imbattibile, l’Inter è rimasta in testa alla classifica (in attesa del risultato del Napoli), anche se ieri la partita, come gioco, occasioni, impostazione tattica, è stata quasi interamente della Juve capace, a sua volta, di non prendere gol per la quinta volta consecutiva. La Juve ha fatto tanto di più dell’Inter, ma non è bastato per battere la capolista che, con questa trasferta, ha quasi completato il giro degli scontri diretta in trasferta: Olimpico (battuta la Roma), Napoli e Torino, due pareggi senza subire gol. Non è un’indicazione da sottovalutare.

INTENZIONI BUONE, MA POCHI FATTI – Spalletti era arrivato a Torino con l’idea di attaccare. Lasciando fuori Gagliardini, aveva deciso di iniziare l’azione con la qualità di Borja Valero e rifinirla con l’ultimo passaggio di Brozovic. Intenzioni ottime, ma nella realtà dei fatti l’Inter si è dimostrata nettamente inferiore alla Juve, difesa esclusa. In più si è evidenziato un netto divario fisico: la Juve aveva giocato martedì ad Atene, l’Inter si era solo allenata, ma la condizione fisica e atletica era tutta a favore dei bianconeri. Nel secondo tempo l’Inter ha perso quasi tutti i contrasti e non ha mai preso una “seconda palla”.







ALTRE NOTIZIE