Le statistiche dell’Inter condannano Nagatomo – GdS

Articolo di
4 novembre 2016, 10:48
Miranda Perišić Icardi Sampdoria-Inter

La “Gazzetta dello Sport” analizza alcune statistiche relative a Southampton-Inter. I nerazzurri si sono dimostrati particolarmente incosistenti in fase offensiva, mentre in difesa hanno sofferto soprattutto quando gli aversari hanno accelerato, con un Nagatomo disastroso.

DIFESA BASSA – In una squadra dal baricentro molto basso (32 metri) e col fuorigioco tentato molto alto (28 metri), si segnala in negativo Nagatomo. Oltre all’autogol finale, il giapponese ha perso 17 palloni: nessuno tra i difensori ha fatto peggio. In più ha sbagliato 7 passaggi. Senza il pasticciaccio dell’autogol, magari questi numeri così crudi non sarebbero stati sottolineati in rosso, ma visto quanto accaduto Nagato­mo è davvero indifendibile.

POSSESSO INGLESE – Naturalmente l’episodio chia­ve del match da solo non spie­ga la rimonta degli inglesi, ma­turata attraverso una supremazia schiacciante esercitata so­prattutto nei primi 25’ della ripresa, quelli dell’uno-­due, ma già nella prima parte il pos­sesso palla era stato di marca Southampton con un 62 a 38. Poi bilanciato dall’Inter nel for­cing finale, tanto che per il to­tale del secondo tempo i nume­ri si avvicinano: 52 a 48.

POCHI TIRI – Impressiona negativamente anche l’assenza di una manovra offensiva. In questo torneo solo il Qabala contro il St Etienne (­diffrenza di 20) ha avuto una differenza più ampia tra tiri tentati e concessi rispet­to all’Inter contro il Southamp­ton: ­18. Cioè 5 dei nerazzurri contro i 23 degli inglesi.

GRINTA OK – C’è di positivo secondo la “Gazzetta dello Sport” la tempra, assicurata in primis dal duo di mediani. L’Inter ha vinto l’82% dei contrasti con­tro il 67% e ha perso meno pal­loni, 152 a 163. La grinta, il cuore, la voglia ce l’anno mes­sa. Non è bastata.

 

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.