Jovetić a IC: “Non ci nascondiamo, l’Inter crede allo scudetto!”

Articolo di
12 dicembre 2015, 23:29
esultanza jovetic juan jesus medel

Stevan Jovetić ha ritrovato questa sera il gol che con la maglia dell’Inter mancava dalla seconda giornata di campionato. Il montenegrino, autore del secondo dei quattro centri con cui i nerazzurri hanno demolito l’Udinese, ha espresso tutta la sua felicità nell’intervista ai microfoni di Inter Channel.

RITORNO AL GOL«Un bambino mi ha detto che facevo gol e ho risposto magari. Sono contento per la vittoria e anche per il gol, come avete detto era tanto che non segnavo però ero tranquillo perché comunque giocavo bene, a parte l’ultima partita che ho giocato male. Oggi abbiamo giocato bene e fatto quattro gol, abbiamo avuto anche altre occasioni, eravamo compatti in campo e stavamo bene, sono contento anche per Martín Montoya che ha fatto un’ottima partita e non era facile, è tanto tempo con noi e non ha mai giocato. Secondo me la cosa principale è divertirsi in campo perché questo è un gioco, poi ovviamente tutti abbiamo i compiti da fare, per adesso li stiamo facendo bene. Prima volevo calciare sul palo opposto, poi ho visto il portiere che voleva accorciare sull’angolo e allora ho fatto il pallonetto, mi è venuto così, di solito lo faccio sempre in allenamento e per fortuna è uscito oggi».

CONVINZIONE«In tutte le partite con le grandi abbiamo fatto bene, poi giocare a Napoli non è facile soprattutto 2-0 sotto, noi siamo riusciti a giocarcela anche con un uomo in meno e abbiamo fatto bene, abbiamo fatto un gol e due pali, forse ci stava anche il pareggio però anche in altre partite abbiamo avuto fortuna perciò lasciamo così. Comunque il nostro obiettivo, l’avevo detto anche cinque-sei partite fa, è che non ci nascondiamo più, bisogna crederci e noi ci crediamo allo scudetto, la strada è lunga e ci sono anche altre squadre però io ci credo per primo come tutta la squadra, perché se non fosse così starei a casa… Certo che mi mancava il gol, mi mancava tanto, però come ho detto prima giocavo bene e non mi preoccupavo, se giocavo male era un’altra cosa ma ero tranquillo, sapevo che sarebbe venuto. Marcelo Brozović ha fatto un gol stupendo, è fortissimo».