Icardi guida l’Inter, i terzini sono un guaio – TS

Articolo di
19 settembre 2016, 11:09
Icardi

Nelle pagelle di “Tuttosport” il migliore di Inter-Juventus è Mauro Icardi. Dietro di lui spiccano Miranda, Candreva, Medel, Perisic e Banega. Bocciati i terzini Santon e D’Ambrosio, unici sotto la sufficienza.

ICARDI IL MIGLIORE – Nelle pagelle di “Tuttosport” Icardi prende 7,5: gli manca il killer instinct sulla parabola di Banega che sfiora la sua testa (20′ pt), in compenso si rifà andando a crearsi l’occasione più nitida del primo tempo: il suo tiro a giro scheggia il palo. Ripresa giocata con cuore da capitano e classe da bomber: così arriva pure il 4° gol stagionale, il settimo in carriera alla Juve (su otto confronti diretti), con un chirurgico colpo di testa sull’angolo di Banega. A corredo, regala a Perisic il pallone dell’apoteosi nerazzurra.

PROMOSSI – Insieme al capitano regalano una grande prestazione diversi nerazzurri, tutti premiati col 7. In difesa spicca Miranda: in prima battuta su Mandzukic, quindi su Higuain, è tornato il formidabile difensore visto all’inizio della scorsa stagione. A centrocampo Medel si fa un gran mazzo per arginare la verve di Pjanic. Esce (ammaccato) tra gli applausi. Perisic entra e segna il 2-1 con un preciso colpo di testa: cosa chiedere di più? Banega prende in mano la squadra unendo ricami, che mandano i loggionisti in estasi, e grande senso pratico. Da corner, piazza sulla testa di Icardi il pallone dell’1-1 e viene espulso prima del gong perché, già ammonito, placca Alex Sandro a difesa del 2-1: sacrificio ben speso. Candreva vive un primo tempo da gregario, mentre nel secondo cresce vistosamente e fa solo cose buone, compresa la palla che ruba ad Asamoah da cui nasce la rete del 2-1. Prima aveva propiziato un’occasione d’oro per Banega, quindi – con un bel tiro al volo – aveva sfiorato un gol da raccontare ai nipotini.

MALE I TERZINI – Bocciati i due terzini. Per D’Ambrosio voto 5: la presenza di Alex Sandro è un fastidio che lo induce a limitare le avanzate. Il problema è che alla prima, seria, accelerazione dell’avversario viene risucchiato. Il copione si ripete nel finale in cui il brasiliano trova sempre campo libero davanti a sé. Appena meglio Santon con un 5,5: l’ammonizione di Lichtsteiner dovrebbe agevolarlo, invece sta troppo sulla difensiva. All’inizio del secondo tempo viene ipnotizzato da Dybala e per poco non regala un gol alla Juventus, quindi perde Lichtsteiner sul gol.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.