Eder a Sky: “Mentalità da cambiare, iniziamo sempre male”

Articolo di
29 settembre 2016, 21:40
Éder Inter-Celtic

Eder è stato intervistato da Sky Sport al termine del brutto KO per 3-1 subito dall’Inter contro lo Sparta Praga. I nerazzurri rimangono a zero punti dopo le prime due partite della fase a gironi di Europa League.

«In Europa se non parti dal primo minuto con la mentalità giusto vai in difficoltà con tutti. Penso che abbiamo sbagliato perdendo la partita nel primo tempo, regalando tante occasioni. Continuiamo ad andare in svantaggio e magari anche lì perdi un po’ di fiducia. Abbiamo sbagliato e nel secondo tempo abbiamo provato a riprendere un po’ di fiducia ma se parti con l’atteggiamento sbagliato è difficile riprenderla. Dobbiamo migliorare, ma non solo in Europa perché anche in campionato siamo partiti spesso in svantaggio come è successo anche domenica col Bologna dove abbiamo regalato i primi 20-30 minuti come è successo oggi. Quindi su quello dobbiamo parlare e migliorare. Troppo facile trovare la concentrazione solo con le grandi squadre ma in campionato e in Europa si va avanti se vinci con le piccole. A me non manca il gol, cerco sempre di dare il massimo. Peccato non sia entrata nel finale ma non avrebbe cambiato il risultato. Se avessero segnato gli altri facendoci vincere la partita avrei esultato ugualmente, mi dispiace perché era una partita importante e abbiamo sbagliato un’altra volta. Dobbiamo lavorare e migliorare. Oggi purtroppo dopo 2 gol non siamo riusciti a riprendere la partita, dobbiamo fare meglio dall’inizio. Dobbiamo trovare la mentalità giusta con le piccole perché con le grandi è normale trovare la mentalità giusta».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.