Candreva a IC: “Spirito Inter dopo brutto KO in EL! San Siro…”

Articolo di
18 settembre 2016, 21:22
Candreva

Antonio Candreva – intervistato dai microfoni di “Inter Channel” al termine di Inter-Juventus – commenta la bella vittoria invitando l’Inter a mettere le partite sui binari giusti prima di andare in svantaggio, poi esalta San Siro complimentandosi con i tifosi nerazzurri presenti sugli spalti

RISCATTO INTER – Tra i migliori nell’Inter che ha sconfitto in casa la Juventus, Antonio Candreva gioisce ripensando anche alla brutta figura fatta in Europa League: «Penso che abbiamo fatto una grandissima partita, per tutti i nostri tifosi che oggi sono stati numerosi e ci hanno dato una grandissima spinta. Dovevamo dare continuità a quello che non avevamo fatto giovedì, dove avevamo fatto una brutta partita, penso che oggi abbiamo avuto lo spirito giusto. Bisogna dare tutto, forse qualcosa di più del 100%. Penso che oggi abbiamo fatto una grandissima prova. Non era facile dopo giovedì, dev’essere un punto di partenza perché non ci possiamo permettere altri passi falsi, dobbiamo dare continuità di vittorie. Se poi affronteremo in maniera sbagliata le altre partite, questa vittoria non ci darà nulla».

SAN SIRO SPETTACOLARE – «Nelle altre partite dobbiamo provare ad andare in vantaggio noi: il calcio non ci può dire sempre bene, questa partita vale tanto per noi. Spero di fare il mio primo gol in nerazzurro. Il pubblico? Tanta roba, quando abbiamo fatto il 2-1 quasi veniva giù lo stadio. Grande spinta da tutti i settori, anche quando siamo andati in vantaggio hanno continuato a spingere e questo è un grande risultato anche per loro».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.