Vecchi: “Inter tutta nuova, progetto funziona! Gli stranieri…”

Articolo di
10 settembre 2016, 13:02
Vecchi

Stefano Vecchi – allenatore dell’Inter Primavera -, intervistato dai microfoni di “Sportitalia” a pochi minuti dall’inizio di Inter-Palermo del Campionato Primavera – Girone C, commenta la sua nuova Inter, stravolta dopo il mercato estivo

VIAVAI CONTINUO – Pronto per il debutto stagionale, Stefano Vecchi analizza il tutto: «Era ora, quest’anno abbiamo iniziato due settimane dopo: tra ritiro, amichevoli e tornei, non vedevamo l’ora di iniziare ed è bello farlo contro il Palermo, sarà subito impegnativo. In campo ci sarà solo un giocatore titolare della squadra dell’anno scorso e un paio che giocavano saltuariamente, gli altri sono tutti nuovi: per noi vale questa regola di far uscire i ragazzi appena pronti. Alcuni dimostrano subito in Serie B e Lega PRO di essere pronti, altri hanno bisogno di più tempo: siamo soddisfatti del nostro lavoro».

NUOVA INTER – «Con la scusa dell’Europeo e della Copa America, durante il ritiro ci siamo scambiati i giocatori con la Prima Squadra: è stata una bella esperienza per tutti, ma adesso tutti sono tornati nel proprio ambito e i ragazzi lo hanno capito. Abbiamo diverse individualità importanti: abbiamo cambiato tutto e non abbiamo più lo zoccolo duro delle passate stagioni. Abbiamo costruito un’Inter tutta nuova, con alcuni stranieri che ancora non parlano bene l’italiano: dovremo fare gruppo prima di fare squadra. Affrontare il Palermo sarà dura: ci aspettiamo una squadra agguerrita con buonissime individualità, hanno giocatori capaci di poterci fare male come dimostrato l’anno scorso».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.