Vecchi: “Inter tanti margini di miglioramento. In campionato…”

Articolo di
13 novembre 2017, 16:29
Stefano Vecchi

Stefano Vecchi, allenatore della Primavera dell’Inter campione d’Italia, ha rilasciato una lunga intervista a “Inter TV” dove ha parlato della crescita dei suoi ragazzi e del campionato di categoria. Queste le sue parole riportate da “Calciomercato.com”

CRESCITA – «I margini di miglioramento sono tanti. Si tratta sempre di una squadra di ragazzi, ci sono tanti margini e c’è tanto lavoro da fare. Se da una parte ci sono buonissimi valori tecnici e buoni lavori fisici, migliorabili, dal punto di vista caratteriale dobbiamo lavorare parecchio. Abbiamo disputato buonissime gare e qualcuna meno buona. Tutto questo in un percorso difficile, giocando più gare e partecipando alla Youth League: anche questo è un modo per crescere e migliorare. Se devo tirare un bilancio generale è ampiamente positivo. Nelle ultime settimane abbiamo cercato di coinvolgere tutto il gruppo. In tanti hanno dimostrato di essere pronti. Non c’è un modo migliore di affrontare le gare di quello che ti permette di utilizzare tanti giocatori sapendo che tutti possono essere all’altezza».

PAUSA – «Lavoreremo poco, purtroppo. Giocheremo molto e avremo modo di vedere tutti i giocatori. Pausa nazionali? È un’esperienza (quella di andare nelle rispettive nazionali) per loro importante. Quelli che giocano molto tornano più stanchi di quando sono partiti. non è semplice, per di più in questi periodi altre squadre hanno modo di lavorare. A noi mancano 12-13 giocatori. Avremmo potuto lavorare e fare qualche carico di lavoro differente. Questa naturalmente è la dimostrazione che la società sta lavorando bene e che abbiamo un organico forte. Ci sono svantaggi e vantaggi».

CAMPIONATO – «Qualche sorpresa nel campionato? Il Genoa è una squadra che sicuramente darà del filo da torcere a tutti, la Roma è una squadra forte, la Juve sta facendo bene, il Milan sembrava in difficoltà e invece sono riusciti a trovare le soluzioni giuste, l’Atlanta la conoscevamo E’ un campionato che riserva sempre sorprese, ma più che sorprese c’è grande equilibrio. Si può vincere e perdere contro tutti».