Inter U19, inizio shock a Cagliari: subito sotto 1-0 e in 10 al 45′

Articolo di
26 novembre 2016, 15:23
Vecchi

E’ appena terminato il primo tempo di Cagliari-Inter, sfida valida per la 9a giornata del Campionato Primavera – Girone C. Partita subito in salita per la squadra di Vecchi, che va sotto di un gol e di un uomo già nei primi dieci minuti: padroni di casa sull’1-0

PRIMO TEMPO – Proprio il Cagliari batte il calcio d’inizio e punisce l’Inter alla prima occasione: al 3′ Camba segna di testa su assist dell’ex nerazzurro Antonini Lui. La situazione rischia di precipitare già al 10′, quando viene espulso Vanheusden in seguito a una trattenuta su Arras al limite dell’area: rosso diretto tra le proteste nerazzurre. La reazione dell’Inter arriva soprattutto nel finale, quando al 42′ Rivas sfiora il palo di testa su cross di Zonta. Al 45′ l’arbitro Natilla segnala tre minuti di recupero e al 48′ arriva il fischio che segnala la fine del primo tempo, che termina sul risultato di 1-0.

IL TABELLINO

1 CAGLIARI – INTER 0

MARCATORE: Camba (C) al 3′

CAGLIARI (4-3-1-2): 1 Bizzi; 2 Mastino, 4 Volteggi (C), 6 Cadili, 3 Da Cunha; 5 Fabio Doratiotto, 8 Antonini Lui, 7 Pennington; 10 Biancu; 9 Camba, 11 Arras.

A disposizione: 12 Crosta, 13 Lampis, 14 Briukhov, 15 Aly, 16 Taccori, 17 Porcheddu, 18 Riccardo Doratiotto, 19 Mastromarino, 20 Serra, 21 Piras, 22 Manca.

Allenatore: Massimiliano Canzi

INTER (3-5-2): 1 Dekic; 2 Gravillon, 5 Vanheusden, 6 Lombardoni; 8 Zonta (C), 11 Emmers, 4 Carraro, 10 Rivas, 3 Cagnano; 7 Bakayoko, 9 Butic.

A disposizione: 12 Mangano, 13 Valietti, 14 Mattioli, 15 Putzolu, 16 Danso, 17 Piscopo, 18 Bollini, 19 Souare, 20 Pinamonti.

Allenatore: Stefano Vecchi

ARBITRO: Fabio Natilla di Molfetta (BA)

NOTE – Ammonito: Fabio Doratiotto (C) al 26′; Espulso: Vanheusden (I) al 10′; Sostituzione: Mattioli per Butic (I) al 14′; Recupero: 3′ (PT).

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.