Federico Dimarco: il “piccolo Alaba” per Mancini

Articolo di
5 giugno 2015, 08:44
Dimarco

Andiamo alla scoperta di Federico Dimarco, ultimo esordiente baby in serie A per l’Inter di Roberto Mancini. Il tecnico jesino aveva promesso altri debutti dopo quello felicissimo di Gnoukouri e così è stato. Grazie all’almanacco “La Giovane Italia”, la “Gazzetta dello Sport” evidenzia qualche dettaglio del ragazzo:

DATI – Dimarco nasce a Milano il 10 novembre 1997. Piede sinistro e ruolo di esterno sinistro per un’altezza di 173 cm.

CARATTERISTICHE TECNICHE – Dimarco ha molta facilità nel crossare al centro dell’area. Mancino dal gran piede, la sua più evidente caratteristica è quella di essere un “pendolino” della fascia con un’incredibile continuità di corsa. Tiro molto potente ed esplosivo. Forza, resistenza, velocità e progressione sono altre importanti doti presenti in questo ragazzo molto promettente.

ULTIMA STAGIONE – 25 presenze e 10 goal con gli Allievi Nazionali e una presenza in Primavera. La rete da incorniciare è quella contro il Cittadella che ha ricordato i bolidi di Roberto Carlos.

VECCHI – Stefano Vecchi, allenatore della Primavera nerazzurra, si esprime così su Dimarco: «Ha sicuramente la stoffa del terzino sinistro, conclude con grande naturalezza ed è perfettamente in linea con quello che si cerca per la tipologia del ruolo soprattutto se si gioca a 5 a livello arretrato»

ALABA – Come caratteristiche non è azzardato paragonarlo a David Alaba, 23enne calciatore austriaco del Bayern Monaco.

Vedremo gli sviluppi della carriera di Dimarco. Gli inizi sembrano promettere molto bene.

 

Facebooktwittergoogle_plusmail