Awua da Lagos all’Inter 15 anni dopo Martins: storia ripetibile?

Articolo di
18 agosto 2016, 21:42
Awua Martins

Il prossimo colpo giovanile dell’Inter ricorda per certi versi l’arrivo di Martins ad Appiano Gentile, anzi Interello: l’Inter sta per chiudere con lo Spezia l’acquisto del classe ’98 Awua, centrocampista nigeriano di gran talento. Il paragone con Martins è necessario

AWUA VICINISSIMO ALL’INTER – Da sempre l’Inter è attenta ai migliori giovani al livello nazionale e internazionale, spesso le due cose si fondono: talenti stranieri arrivano in Italia e l’Inter li nota subito, non facendoseli scappare. L’ultimo nome finito sul taccuino nerazzurro è quello di Theophilus Awua, centrocampista classe ’98. Awua è nato a Lagos in Nigeria ed è arrivato in Italia grazie allo Spezia, club attraverso cui l’Inter lo sta per prelevare dalla “accademia” Football College Abuja: circa 250 mila euro per il prestito oneroso con diritto di riscatto fissato a 2 milioni il prezzo che le società stanno per pattuire. Si tratta di un innesto per l’Inter Primavera di Stefano Vecchi, ma con ottica sull’Inter di Frank de Boer: corsi e ricorsi storici, già…

COME MARTINS 15 ANNI FA – Di Awua si conosce ancora ben poco, ma chi l’ha visto all’opera ne parla solo bene: l’ennesimo talentino nigeriano arrivato in Italia grazie al sapiente lavoro degli osservatori italiani, che negli ultimi vent’anni hanno puntato e ottenuto tanto, in particolare da alcuni di loro. L’emblema di questo lavoro di scout-mercato è senza alcun dubbio Obafemi Martins, anche lui nato a Lagos e arrivato in Italia ancora minorenne – grazie alla Reggiana – e poi approdato all’Inter Primavera di Corrado Verdelli nel 2001 e da lì subito promosso nell’Inter di Hector Cuper: quindici anni prima di Awua. La storia di Martins – che oggi gioca con Fredy Guarin nello Shanghai Shenhua – è nota a tutti, nonostante non tutti siano concordi sulle sue qualità (e sulla sua età…), ma i numeri parlano per lui. Ha sicuramente bruciato le tappe e permesso all’Inter una ricchissima plusvalenza, dalla quale arrivò Zlatan Ibrahimovic. In attesa dell’ufficializzazione di Awua, che l’esempio di Martins sia di buon auspicio nei pregi e che possa migliorarne i difetti: la storia si ripete? E soprattutto: se segna, farà la capriola?