Serie A, derby Milan-Inter di pomeriggio: ecco perché

Articolo di
17 marzo 2018, 23:16
Stadio Meazza Inter 110

Ha fatto molto scalpore la decisione della Lega Serie A di posizionare il derby Milan-Inter, recupero della ventisettesima giornata di campionato, alle ore 18.30 di mercoledì 4 aprile, in quanto si tratta di un big match piazzato in orario pomeridiano di un giorno lavorativo. Ecco le motivazioni.

SCELTA INEVITABILE – Dal 4 marzo, quando la Lega Serie A aveva fatto l’unica scelta possibile, ossia rinviare tutte le partite della domenica a seguito della morte di Davide Astori, l’interrogativo principale sulle date dei recuperi della ventisettesima giornata riguardava Milan-Inter. Il derby rischiava di giocarsi addirittura a maggio (rinviando la finale di Coppa Italia) o a campionato finito, vista la partecipazione dei rossoneri all’Europa League, ma l’eliminazione avvenuta giovedì agli ottavi di finale contro l’Arsenal ha reso possibile qualche finestra nel mese di aprile: il regolamento del campionato prevede che “i recuperi di gare interrotte o rinviate saranno programmati nei quindici giorni successivi alla data della partita interrotta o rinviata o, nel caso in cui ciò non sia possibile, nella diversa prima data utile successiva”. Mercoledì 4 aprile, da quarantotto ore, è diventata la prima data utile e questo ha permesso l’ufficialità della decisione nella giornata di oggi, nonostante alcune proteste soprattutto da parte dei tifosi milanisti, perché quattro giorni prima sfidano la Juventus e avrebbero preferito metterla mercoledì 25 aprile, giorno festivo che avrebbe portato una maggiore affluenza di pubblico al Meazza anche in orario diurno. L’altro motivo di polemica è legato dal fischio d’inizio, previsto per le 18.30. Anche qui si tratta di una scelta inevitabile, non passibile di modifica né per volontà del Milan né dell’Inter né tantomeno della Lega Serie A, perché il regolamento è chiaro pure qui: “i recuperi di gare da effettuarsi in date infrasettimanali non festive si disputano con inizio alle ore 20.45, salvo diverso accordo intercorso tra le due società, fermo restando che, in caso di concomitanza con gare di competizioni UEFA per club, in ottemperanza alle previsioni della circolare UEFA 36/2013, le gare non potranno avere inizio dopo le ore 18.30″. La presenza dell’andata dei quarti di finale di Champions League in serata, sia il 3 sia il 4 aprile, obbligava quindi un orario pomeridiano per Milan-Inter: è stato scelto il limite ultimo, di più non si poteva fare.







ALTRE NOTIZIE