Nota tattica di Sampdoria-Inter: Brozovic regista

Articolo di
22 marzo 2018, 17:00
Marcelo Brozović Benevento-Inter

“Nota tattica”, una rubrica che mira a sottolineare un dettaglio, in positivo o in negativo, dell’ultima partita dell’Inter, meglio se qualcosa di sommerso o particolare. Dopo Sampdoria-Inter parliamo del ruolo di Brozovic.

CAMBI IN MEZZO – Luciano Spalletti nei suoi mesi all’Inter è alla perenne ricerca della giusta combinazione di centrocampisti. L’ultimo tentativo riguarda la coppia Brozovic-Gagliardini, che tra Napoli e Sampdoria ha dato buone risposte. Soprattutto nella seconda i due hanno semplicemente dominato, trovando anche un’intesa mai vista in stagione tra i mediani nerazzurri. Tra le due partite in particolare si è specializzato il ruolo di Brozovic: il croato da sempre ha caratteristiche per fare quasi tutto (in carriera ha giocato davanti alla difesa, mediano a due, interno a tre, incursore, trequartista, esterno), ma Spalletti gli ha chiesto di smistare il gioco da regista basso, compito inedito in stagione. E il numero 77 contro la Sampdoria ha fornito una prestazione ottima, per qualità e continuità.

POSIZIONE PIU’ ARRETRATA – Prendendo la grafica delle posizioni medie tenute dai nerazzurri dal sito della Lega Serie A si nota come Brozovic abbia appunto tenuto una posizione più arretrata rispetto a Gagliardini:

Una novità se vi ricordate quante volte il numero 5 sia stato messo come schermo fisso davanti alla difesa. Questa volta invece il duo è stato decisamente più dinamico, con Brozovic a impostare e Gagliardini libero di muoversi anche in verticale, con ottimi risultati.

PASSAGGI EFFICACI – Da Squawka invece possiamo vedere i passaggi effettuati dal croato:


Giocate semplici, pulite, veloci, vale a dire quelle indispensabili per far girare al meglio la squadra. Non è un caso che la manovra sia stata fluida come poche altre volte. Secondo il sito ufficiale dell’Inter su 106 tocchi Brozovic ha effettuato 84 passaggi, col 90,5% di precisione. Una regia pulita ed efficace di cui l’Inter aveva tremendamente bisogno.