Nota tattica di Inter-Juventus: i tre centrocampisti

Articolo di
19 settembre 2016, 17:00
Banega Inter

“Nota tattica”, una rubrica che mira a sottolineare un dettaglio, in positivo o in negativo, dell’ultima partita dell’Inter, meglio se qualcosa di sommerso o particolare. Dopo Inter-Juventus parliamo del trio di centrocampo.

MOTORE DEL GIOCO – Icardi giustamente si è preso i titoli del post Inter-Juventus, ma i mattoni necessari per arrivare alle sue giocate decisive sono arrivate dal centrocampo. De Boer ha schierato per la seconda volta in stagione il trio composto da Medel, Joao Mario e Banega, ottenendo risposte di altissimo livello. I tre sono stati il motore del gioco dell’Inter, quelli che hanno stabilito il baricentro e il ritmo dell’incontro. Tre giocatori che si sono trovati alla grande formando un insieme molto dinamico, per nulla confusionario e decisamente efficace.

I RUOLI – Medel ha rappresentato l’ancora fissa nel suo ruolo di mediano. A lui è stata deputata la fase puramente difensiva ed era l’uomo piazzato a protezione della difesa, con un compito specifico e importantissimo: bloccare le linee di passaggio verticali a Pjanic, soprattutto quelle verso Dybala. Il bosniaco e l’argentino infatti erano rispettivamente il play basso e il play alto della Juve, e interrompere le comunicazioni era vitale nello scacchiere difensivo di de Boer. Movimenti orizzontali più che verticali, costante attenzione e prontezza nello scalare in difesa per dare manforte.
Definire i ruoli di Joao Mario e Banega è più complesso. I due si sono sostanzialmente amlgamati, muovendosi quasi in simbiosi: quando uno saliva l’altro scendeva, se uno andava di lato l’altro si allargava dall’altra parte. Sempre in relazione, spesso riuscendo a trovarsi smarcati per far girare al meglio la palla. Il portoghese ha mostrato una capacità di lettura tattica addirittura rarissima, aggiungendo fisico anche nelle ripartenze e pulizia assoluta nelle giocate. L’argentino ha fatto quello che è nel suo dna, vale a dire il regista a tuttocampo. Si è mosso sempre in modo da favorire lo sviluppo dell’azione, dando qualità a ogni latitudine.

LE STATISTICHE – Medel, Joao Mario e Banega, in ordine inverso, sono stati i tre giocatori con più passaggi dell’Inter, in generale tre dei migliori cinque considerando anche gli avversari (Pjanic primo, Barzagli quarto). Un dato interessante visto che spesso i giocatori che primeggiano in questa classifica sono difensori e terzini: l’Inter è riuscita ad alzare il baricentro tenendo il pallone sulla metà campo. A conferma di questo, loro tre sono i giocatori ad aver effettuato più passaggi sulla trequarti offensiva, superando (tutti e tre, anche Medel) anche Pjanic che pure ha toccato più palloni.
A conferma dell’intesa già maturata i tre si sono cercati molto. Banega è stato il giocatore che ha fatto più passaggi a Joao Mario (10) e a Medel (7). Il cileno ha indirizzato i suoi passaggi principalmente verso l’argentino (14) e il portoghese (6). Per chiudere l’ex Sporting ha scelto Banega come bersaglio preferito (7 passaggi), con il Pitbull al terzo posto (5).

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.