Nota tattica di Inter-Chievo: il ritorno di Brozovic

Articolo di
6 dicembre 2017, 18:00
Marcelo Brozović Benevento-Inter

“Nota tattica”, una rubrica che mira a sottolineare un dettaglio, in positivo o in negativo, dell’ultima partita dell’Inter, meglio se qualcosa di sommerso o particolare. Dopo Inter-Chievo parliamo di Marcelo Brozovic.

CENTROCAMPO FLUIDO – Contro il Chievo Marcelo Brozovic ha disputato una delle migliori gare in nerazzurro, soprattutto per la continuità nei 90 minuti, cosa che normalmente gli è sconosciuta. Sostanzialmente al rientro dopo Benevento a causa dell’infortunio al polpaccio, Spalletti ha ancora una volta assegnato al croato il ruolo da trequartista nel 4-2-3-1, mail modulo è stato molto più fluido del solito. L’assenza di Gagliardini e Vecino con conseguente presenza di Borja Valero e Joao Mario in mediana ha infatti reso il centrocampo singolarmente dinamico, il famoso “folto che ruota molto”. Guardando la heatmap di Brozovic presa da Whoscored si nota come la sua area di influenza sia stata più da interno (principalmente sinistro, ma anche destro) del 4-3-3 che da trequartista puro:

Nel primo tempo Brozovic ha giocato nettamente più alto dei compagni di reparto, spesso trovandosi quasi in linea con Joao Mario sul centro sinistra, nel secondo tempo invece i due si sono disposti più chiaramente da interni, con Borja Valero più centrale. In ogni caso i tre sono stati molto bravi a “leggersi” a vicenda, trovando lo spazio giusto di volta in volta. Una dimostrazione di intesa molto promettente.

PARTITA COMPLETA – Il numero 77 ha creato 6 occasioni (compresa quella del 2-0 di Icardi), tentato 8 conclusioni e toccato 90 palloni con 67 passaggi (89,6% di precisione) così distribuiti (grafica Squawka):


Il dato che forse non ci si aspetta è che Brozovic ha anche corso più di tutti: 13,05 km secondo il sito della Lega Serie A. Un movimento continuo fondamentale per dare opzioni di passaggio, sviluppare il gioco e rifinire. Qualità e quantità, una dimostrazione di grande potenziale che spesso rimane inespresso.