Nota tattica di Empoli-Inter: un Medel verticale

Articolo di
23 settembre 2016, 20:30
Medel

“Nota tattica”, una rubrica che mira a sottolineare un dettaglio, in positivo o in negativo, dell’ultima partita dell’Inter, meglio se qualcosa di sommerso o particolare. Dopo Empoli-Inter parliamo di un “nuovo” Medel.

CAMBIAMENTI – Il cambiamento portato nel gioco dell’Inter da Frank de Boer è stato evidente, e si può cogliere anche da certi dettagli.
Il tecnico olandese punta chiaramente sul possesso palla, un dato che in realtà è stato caratteristico dell’Inter negli ultimi anni anche nelle gestioni Mazzarri e Mancini, ma il nodo fondamentale è che il suo lavoro permette alla squadra di distribuirsi per il campo in modo più efficace. E un indicatore è dato dai passaggi di Gary Medel.

UN “NUOVO” MEDEL – Il centrocampista cileno è un mediano difensivo, noto per l’apporto in termini di fisicità, garra e recupero di palloni. Non è chiaramente un regista e ha una fantasia limitata nel giocare la palla. Tuttavia per posizione in campo negli ultimi anni è stato spesso l’uomo che ha toccato più palloni nelle partite dell’Inter, risultando non a caso tra i giocatori con più passaggi effettuati in Serie A. La sua “regia” però è diventata sinonimo di possesso orizzontale, incapace di trovare sbocchi in verticale utili a scompaginare le difese avversarie. E i dati sono lì a dimostrarlo.
Con de Boer qualcosa è cambiato. Guardando i dati da StatsZone di FourFourTwo già contro la Juventus Medel su 44 passaggi effettuati ne ha realizzati 28 in verticale. Ma contro i bianconeri l’Inter poteva avere degli equilibri particolari vista la forza dell’avversario. Il cileno però si è confermato contro l’Empoli: su 45 passaggi 20 sono stati verticali.
Chiariamo, non si tratta dei lanci di 50m alla Pirlo, ma di semplici rasoterra a pochi metri. Solo in verticale. Posto che il giocatore è lo stesso di prima, l merito è per forza nei nuovi movimenti dei suoi compagni. Una novità che sembra piccola, ma dice moltissimo sui nuovi movimenti in campo che de Boer sta portando ai nerazzurri.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.