Mancini-Suning, sfiducia da entrambe le parti: fino a quando?

Articolo di
15 luglio 2016, 20:00
Roberto Mancini

Tra Roberto Mancini e la nuova proprietà nerazzurra targata Suning non sembra essere scoccata la scintilla: si fanno tante ipotesi, più o meno plausibili, ma quello che sembra evidente è che al momento manchi fiducia. E non solo da una parte

CLIMA DI SFIDUCIA – Quando avviene un passaggio di proprietà, per di più il secondo nel giro di tre anni, è normale vivere momenti di confusione e l’Inter di certo non fa eccezione. Musi lunghi, nervi tesi, ritiro spento e turbolento: tutto questo caratterizza l’inizio della nuova era targata Suning Commerce Group. Nell’occhio del ciclone, ovviamente, Roberto Mancini che sembra mandare messaggi subliminali sia a parole che a gesti. Certamente qualcosa che non torna c’è, tanto che ieri sera i rumors parlavano di possibile strappo insanabile tra il tecnico e la nuova proprietà. Allarme che sembra essere rientrato. Il problema sembra ruotare intorno alle diverse strategie di mercato che ancora, tra l’altro, non hanno nemmeno preso quota. L’impressione è che regni sovrana la confusione e la sfiducia generale: l’allenatore marchigiano non si sente abbastanza coinvolto e di certo Suning non fa molto per migliorare la situazione. Mancanza di fiducia, per ora normale e giustificata. Ma che non può condizionare una stagione intera.