Mancini, la Coppa Italia ti complica la vita: Kondo e Brozo top

Articolo di
16 dicembre 2015, 12:38
mancini pensa

Il match con il Cagliari di ieri sera ha messo in mostra due grandi prestazioni di Kondogbia, forse la migliore da quando e all’Inter e di Brozovic, ormai non più una novità. Ma non sono le sole note positive che recheranno notti insonni al tecnico nerazzurro: scopriamo quali.

IMBARAZZO DELLE SCELTE – Ruolo per ruolo, Carrizo si è fatto trovare prontissimo, sarà importante visto che è lui il portiere designato per la Coppa Italia e, presumibilmente, per il match contro il Napoli. Abbiamo detto di D’Ambrosio, meraviglia Monotya che gioca 180 minuti in 4 giorni, quando l’ultima da titolare risaliva a marzo col Barça. A centrocampo le note più liete, Medel non è una novità a differenza di Kondogbia: è la prima partita in cui strappa un 7 pieno, per intensità, aggressività e disciplina tattica. la giocata che apre il campo al 3-0 è una chicca, a testimoniare la potenziale completezza del colosso francese. Brozovic deve giocare titolare, sembra non ci possano essere dubbi su questo: completo tecnicamente e tatticamente, capace da un punto di vista atletico di coprire tutte le zone del campo per 90 minuti. E poi, cosa da non sottovalutare, sta diventando un beniamino di tifosi e compagni e andrebbe sfruttata questa scia emotiva che, specie a San Siro, può portare i suoi frutti. Infine l’attacco, su Palacio non si scopre nulla così come sul bene che potrà fare Manaj.

Arrivano conferme da Biabiany, che complicherà ulteriormente le scelte offensive di Mancini in vista di Inter-Lazio.