La frase del giorno sull’Inter – Tranquilli, il futuro è roseo

Articolo di
14 novembre 2015, 23:58
la frase del giorno

In una giornata triste come quella appena trascorsa, a ventiquattro ore dagli attentanti di Parigi, un barlume di speranza nel futuro (anche calcistico, almeno per quanto riguarda l’Inter) proviamo a trovarlo nelle parole di Roberto Samaden, capacissimo Responsabile del Settore Giovanile nerazzurro, al “Corriere dello Sport”

LE PAROLE DI SAMADEN«Segreti dell’Inter? Una società che crede nel proprio vivaio, un gruppo di persone competenti, un collegamento con l’area tecnica della prima squadra e undici centri di formazione che seguono i ragazzi dai 6 ai 13 anni replicando loro le metodologie del settore giovanile. Su chi scommetto per il futuro? A parte Dimarco, Popa e Radu che sono già nel giro della Prima Squadra, mi viene da dire Senna Miangue e tre ragazzi del 1999, ovvero il difensore Vanheusden, il centrocampista Emmers e l’attaccante Pinamonti».

FUTURO ROSEO – Da anni si sa che la società nerazzurra investe molto del suo denaro, ma soprattutto del suo tempo e dei suoi uomini, nello sviluppo del Settore Giovanile. Tanti i talenti sfornati, magari qualcuno si è perso per strada e anche per colpe sue (uno su tutti: Mario Balotelli), ma il lavoro alla lunga paga e qualche soddisfazione c’è sempre. Attualmente ce ne sono due in particolare: Davide Santon, tornato da meno di un anno, e Jonathan Biabiany, di nuovo a Milano da quasi sei mesi. E poi che dire di Assane Gnoukouri e, soprattutto dopo il debutto record in Nazionale, di Rey Manaj? L’Inter, grazie anche a Roberto Samaden, lavora seriamente sui giovani. E presto arriveranno i risultati sperati, ne siamo certi.