Kondogbia horror, de Boer spiega: mai più così male!

Articolo di
25 settembre 2016, 23:01
la frase del giorno

Geoffrey Kondogbia è stato protagonista di una prova decisamente negativa contro il Bologna. Il calciatore è stato sostituito dopo 28′ di gioco, de Boer nel postpartita ha spiegato i motivi del cambio. Analizziamo le sue parole e le prospettive con la rubrica “La frase del giorno sull’Inter”

LE PAROLE DI DE BOER – «Il cambio di Geoffrey Kondogbia? Un giocatore può fare un errore, per me nessun problema, però quando abbiamo parlato questa mattina di questa cosa non mi ha voluto ascoltare e in questo caso ha dei problemi con me. È stato come un autogol, deve giocare semplice pressato dagli avversari, c’erano tre giocatori liberi. Quello era un fallo ma un giocatore deve sapere quando deve fare un dribbling o una giocata normale. Per me abbiamo iniziato la partita molto nervosi, forse perché questa mattina abbiamo dovuto cambiare due giocatori».

KONDOGBIA, GIORNATA NO: BISOGNA RIALZARSI – E’ stata una giornata da dimenticare per Geoffrey Kondogbia. Il centrocampista ha giocato molto male la gara contro il Bologna per poi essere sostituito dopo neanche 30 minuti. Nel postpartita de Boer è stato chiaro: il francese deve giocare semplice e seguire le sue indicazioni. Se vuole trovare un posto nell’Inter, Kondogbia non ha scelte: seguire l’impostazione data dal suo tecnico e non esagerare con le giocate rischiose e le palle perse.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Basta

Alessandro Basta

Alessandro Basta ha 19 anni e vive a Cosenza, dove è nato. Inizia a scrivere a 13 anni per un piccolo forum sportivo, per poi proseguire la sua attività di scrittura per un blog calcistico, in uno spazio dedicato interamente all’Inter, dove scrive editoriali. A 17 anni, arriva l’esperienza maggiormente formativa, presso InterCafè, blog in cui crescono contestualmente passione, ambizione ed esperienza rispetto alla scrittura sull’Inter. Tifoso interista fin dalla nascita, non potrebbe vivere senza.