Interisti in prestito: Bardi il migliore, Palazzi ok. Male Belloni

Articolo di
10 ottobre 2016, 13:22
interisti-in-prestito

Con Gianluca Caprari, Rey Manaj e Federico Dimarco fermi a causa della pausa delle nazionali e il Girona di Samuele Longo fermato sullo 0-0 il week-end degli interisti in prestito ha visto come protagonisti solamente i ragazzi della Serie B.

SERIE B – Il Frosinone di Francesco Bardi batte 3-2 il Cittadella grazie anche e sopratutto alle parate dell’ex Livorno. Bene anche per il collega Raffaele Di Gennaro che però esce sconfitto dal “derby” contro l’altro interista Andrea Palazzi, ormai punto fisso nel centrocampo della Pro Vercelli e autore di una prestazione più che sufficiente. Passo indietro invece per Niccolò Belloni che pur tentando di creare qualcosa risulta proprio in giornata no (come del resto tutto l’Avellino) venendo sostituito a inizio secondo tempo dal tecnico Mimmo Toscano; prova incolore anche per Gaston Camara, partito ancora una volta dalla panchina e apparso pure lui tutt’altro che ispirato. Da segnalare anche il debutto stagionale di Bright Gyamfi nel finale del match tra la Salernitana e il Benevento. Non utilizzati Isaac Donkor, Lorenzo Tassi, Enrico Baldini, Fabio Eguelfi, George Puscas e Fabio Della Giovanna.

Longo (Girona) = sostituito al 67′
Tassi (Avellino) = non convocato
Donkor (Avellino) = panchina
Belloni (Avellino) = sostituito al 53′
Eguelfi (Pro Vercelli) = non convocato
Baldini (Pro Vercelli) = panchina
Palazzi (Pro Vercelli) = sostituito al 73′
Della Giovanna (Ternana) = non convocato (infortunato)
Di Gennaro (Ternana) = titolare
Gyamfi (Benevento) = subentrato 84′
Puscas (Benevento) = non convocato
Bardi (Frosinone) = titolare
Camara (Brescia) = subentrato al 64′

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.