Inter, Chiesa non è Berardi: Spalletti spinge, il “sacrificio” vale

Articolo di
13 novembre 2017, 18:33
Chiesa Federico

La pausa per le nazionali è il momento adatto per approfondire temi riguardanti il calciomercato: l’edizione odierna della “Gazzetta dello Sport” parla infatti di un’Inter decisa a dare l’assalto a Federico Chiesa. L’esterno classe ’97 della Fiorentina e figlio dell’ex attaccante viola Enrico Chiesa è in grado di garantire un ottimo rendimento su entrambe le fasce e ha già ricevuto la benedizione di Luciano Spalletti

ASSALTO – L’Inter sembra pronta a dare l’assalto a Federico Chiesa, tanto che in primavera potrebbe presentarsi alla Fiorentina con un’offerta da 50 milioni di euro: il club viola, per tutta risposta, ha già preparato una bozza di rinnovo per il talento classe ’97. Basterà? Dipenderà molto anche dalle ambizioni del ragazzo, che desidera compiere un salto di qualità iniziando a partecipare alle competizioni europee.

BENEDIZIONE – L’Inter, qualora dovesse continuare così, potrebbe garantirgli un posto in Champions League e a quel punto la strada per Piero Ausilio sarebbe in discesa: sicuramente il Direttore Sportivo nerazzurro non deve convincere Luciano Spalletti, che interpellato sulla possibilità di vedere Chiesa a Milano è apparso a dir poco entusiasta. Il tecnico nerazzurro ha esaltato la sua dedizione nei confronti del gruppo e la sua capacità di giocare bene pur non concentrandosi unicamente sulla prestazione.

SACRIFICIO ECONOMICO – Certamente 50 milioni non sono pochi ma un talento puro come quello di Chiesa, esterno d’attacco bravo su entrambe le fasce, potrebbe valere il sacrificio economico. Un sacrificio che l’Inter avrebbe potuto compiere anche per Domenico Berardi, al quale proprio Spalletti disse di no: l’allenatore infatti lo considera ancora acerbo per un grande palcoscenico come quello nerazzurro. Considerando che Chiesa è più giovane dell’attaccante del Sassuolo (classe ’94), Spalletti potrebbe decisamente spingere il club all’assalto. Ne vale la pena.