Inter, a Udine sei pronta a rivivere un déjà-vu con Massa?

Articolo di
10 dicembre 2015, 15:43
esultanza mancini squadra

Inter. Massa. Stadio “Friuli” di Udine. Campionato. Gli ingredienti ci sono tutti, le speranze di un remake anche: un interessante precedente con tutte queste coincidenze c’è e l’augurio è che finisca proprio come quella volta

4 INGREDIENTI – Appuntamento fissato per sabato 12 dicembre 2015 a partire dalle ore 20.45, presso lo Stadio “Friuli” di Udine, dove i padroni di casa affronteranno la capolista Inter. Dicevamo: Udinese-Inter c’è. E già si sapeva, ma è di oggi l’ultimo ingrediente del match: l’arbitro Davide Massa della sezione di Imperia. Tutto ciò ha già fatto da menù il 3 novembre 2013: quella sera finì 0-3. Inter in gol con Rodrigo Palacio (c’è), Andrea Ranocchia (c’è) e Ricardo “Ricky” Alvarez (non c’è, almeno fisicamente!). Era l’Inter di Walter Mazzarri, contro l’Udinese di Francesco Guidolin. E si, diciamo la verità: dopo una serie di partite giocate non propriamente bene e lontane dal raggiungimento della vittoria, in quell’occasione arrivarono bel gioco (o quantomeno gradevole) e tre punti. Troppo poco per illudersi, visto il proseguimento di stagione tutt’altro che esaltante, ma almeno quella volta andò bene e le critiche vennero evitate, anzi solo rimandate.

3 OBIETTIVI – Le cose sono cambiate, oggi. E cambieranno anche sabato, perché in campo scenderà l’Inter di Roberto Mancini. L’Inter prima in classifica. L’Inter che Ranocchia e Palacio li ha in rosa, ma attualmente fanno panchina a Joao Miranda e Adem Ljajic. L’Inter che ha perso per strada Alvarez, trovando invece Stevan Jovetic (autore di una doppietta in Carpi-Inter, arbitrata proprio da Massa). E l’Udinese, oggi allenata da Stefano Colantuono, non sembra neanche più quella squadra fastidiosa, che si esaltava grazie alle giocate di Antonio Di Natale – che proprio sabato sera potrebbe affrontare per l’ultima volta in carriera l’Inter. Nonostante tutto questo, gli obiettivi non cambiano: 1. l’Inter vuole i tre punti; 2. l’Inter vuole consolidare il primo posto in classifica; 3. l’Inter vuole vincere magari giocando bene come due anni fa. Nel 2013 è finita 0-3, adesso in molti puntano sull’ennesima vittoria di misura: che sia 0-1 o 0-3 importa poco, ma non sarebbe male rivivere un déjà-vu friulano, per poi godersi comodamente sul divano Napoli-Roma e Juventus-Fiorentina