Il nuovo centrocampo dell’Inter: le diverse opzioni di de Boer

Articolo di
3 settembre 2016, 15:01
de Boer Banega

Da qui fino al mercato di gennaio Frank de Boer avrà a disposizione sette centrocampisti da utilizzare nel suo 4-3-3/4-2-1-3. L’assenza di un mediano dai piedi buoni alla lunga potrebbe farsi sentire ma il tecnico potrà comunque puntare su diverse alternative.

TANTE COMBINAZIONI – La versione più offensiva prevederebbe l’utilizzo di Ever Banega davanti alla difesa con Joao Mario e Marcelo Brozovic ai suoi lati, quella più difensiva l’impiego in contemporanea di Gary Medel e Geoffrey Kondogbia insieme a uno solo degli altri tre. Più verosimilmente de Boer punterà spesso e volentieri su una via di mezzo mandando in campo dall’inizio solamente uno tra il Pitbull e il francese. Discorso diverso per l’Europa League dove Felipe Melo e Assane Gnoukouri dovrebbero giocare almeno qualche partita da titolari a causa dell’esclusione, legata al Fair Play Finanziario, di Kondogbia e Joao Mario.

MANCA UN BIGLIA – La ciliegina sulla torta della sessione estiva sarebbe stata forse l’acquisto di un mediano da piazzare davanti alla difesa in grado di recuperare palloni ma anche di far ripartire l’azione in maniera non troppo prevedibile. Ad esempio un calciatore con le caratteristiche di Lucas Biglia avrebbe fatto sicuramente al caso dell’olandese ma gli alti costi di una simile operazione e l’impossibilità di piazzare uno tra Brozovic e Melo hanno alla fine portato la società a rimanere così. In ogni caso non è da escludere che l’Inter possa tornare sul mercato a gennaio, sopratutto nel caso in cui il Suning dovesse riuscire a convincere Melo ad accettare la proposta dello Jiangsu.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.