De Boer e la gestione di Icardi: resta e gioca per la squadra

Articolo di
17 agosto 2016, 23:23
la frase del giorno

Nell’intervista odierna alla “Gazzetta dello Sport”, de Boer ha sottolineato l’importanza di Mauro Icardi per la sua Inter. L’attaccante è il fulcro del gioco, ma deve migliorare ancora molto nel fraseggio con la squadra. Analizziamo il tema con la rubrica “La frase del giorno sull’Inter”

LE PAROLE DI DE BOER – «Mauro ha solo 23 anni e ha segnato tantissimo. Lui sa che non è solo merito suo, ma di tutta l’Inter. Ogni giorno deve arrivare qui per diventare un giocatore migliore, in campo e fuori, curando pure il cibo e ogni altra cosa che possa alzare l’asticella del rendimento personale. Questa è la mentalità giusta. Anche Messi non smette mai di mettersi in discussione. Il giorno in cui pensi di aver raggiunto il top allora sei finito»

ICARDI TRA CAMPO E MERCATO – La volontà dell’Inter per quanto riguarda il futuro di Icardi è stata chiara: i nerazzurri hanno trattenuto il loro capitano, resistendo ad ogni offerta del Napoli. De Boer, però, pur elogiando le qualità dell’argentino, ha sottolineato come la punta abbia margini di crescita enormi. Non solo gol, il numero 9 deve anche giocare per la squadra, svariare sul fronte d’attacco e sfornare qualche assist. Icardi resta e migliora: è lui il bomber su cui l’Inter punta per migliorare la classifica delle ultime stagioni.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Basta

Alessandro Basta

Alessandro Basta ha 19 anni e vive a Cosenza, dove è nato. Inizia a scrivere a 13 anni per un piccolo forum sportivo, per poi proseguire la sua attività di scrittura per un blog calcistico, in uno spazio dedicato interamente all’Inter, dove scrive editoriali. A 17 anni, arriva l’esperienza maggiormente formativa, presso InterCafè, blog in cui crescono contestualmente passione, ambizione ed esperienza rispetto alla scrittura sull’Inter. Tifoso interista fin dalla nascita, non potrebbe vivere senza.