Ausilio fa tutti i nomi (buoni e non) per l’Inter… ma non tutti

Articolo di
11 luglio 2016, 23:46
la frase del giorno 2017

Dopo l’uscita fuori luogo della signora Icardi, il DS nerazzurro Ausilio si è sentito in dovere di rispondere alle accuse fatte per spiegare la posizione dell’Inter, che nel frattempo pensa al mercato in entrata: analizziamo le sue parole attraverso la rubrica “La frase del giorno sull’Inter”

LE PAROLE DI AUSILIO – «Joao Mario è un giocatore bravo, ma costa tanto: lo stiamo seguendo come tanti altri. Su Gabriel Jesus non possiamo sentirci in vantaggio perché questa situazione è in mano al club di appartenenza e al giocatore stesso: su di lui ci sono le dieci squadre più importanti del mondo, noi siamo tra quelle e la concorrenza è agguerrita. Abbiamo incontrato il Sassuolo per chiedere la disponibilità di Berardi e di altri giocatori: ci è stata data risposta negativa e il discorso è finito lì. Per Candreva non abbiamo mai presentato offerte: è un giocatore che non si discute tecnicamente, ma ci sono anche altri parametri da valutare».

TANTI NOMI, TANTA PAZIENZA – La carrellata di nomi fatta da Piero Ausilio in risposta ai giornalisti non è mica da ridere. Così come le risposte, precise e a tratti convincenti. Che Joao Mario piaccia all’Inter è ufficiale, che sia difficile prenderlo per tante variabili lo è altrettanto. Che Gabriel Jesus sia l’obiettivo dichiarato dal gruppo Suning è ancora più noto, ma anche qui non si scherza e serve tanto lavoro e pazienza. Su Domenico Berardi (no secco) e Antonio Candreva (costo elevato di pari passo con l’età) la situazione era già chiara da tempo, ma una conferma dall’uomo mercato nerazzurro non fa che ben sperare. Serve tempo per concludere operazioni importanti, ma Ausilio ha sicuramente le idee chiare anche se non si sbottona troppo: adesso non è tempo di sbandierare ai quattro venti altri nomi caldi… Restiamo in attesa di novità, anche noi.