5 dati statistici su Sparta Praga-Inter che potresti non sapere

Articolo di
30 settembre 2016, 09:09
Palacio Éder Icardi Sparta Praga-Inter

L’Inter crolla anche a Praga e mette a serio rischio la qualificazione alla fase a eliminazione diretta di Europa League. Nel 3-1 contro lo Sparta Praga purtroppo ancora da segnalare errori ripetuti già nelle precedenti uscite stagionali, così come alcune conferme negative a livello statistico.

ZERO – Le vittorie in stagione con Andrea Ranocchia in campo. Purtroppo anche ieri sera il difensore acquistato nel gennaio 2011 dal Genoa è stato protagonista in negativo, con l’espulsione che ha propiziato il gol del definitivo 3-1. Con lui titolare sono arrivate le due sconfitte in Europa League, il KO all’esordio in casa del Chievo e l’1-1 di domenica scorsa contro il Bologna. L’ultimo successo interista nel quale è stato impiegato risale al 22 novembre 2015, 4-0 al Frosinone da subentrato, mentre dal 1′ bisogna tornare allo 0-1 di Bologna del 27 ottobre 2015.

TRE – I gol consecutivi di Rodrigo Palacio in campo internazionale. L’argentino aveva segnato anche gli ultimi due centri nerazzurri negli ottavi di Europa League 2014-2015, anch’essi inutili perché il Wolfsburg vinse entrambe le partite, 3-1 all’andata (nonostante il vantaggio immediato del Trenza) e 1-2 al ritorno. Il precedente giocatore interista a segno è stato Fredy Guarín, nei minuti finali del ritorno dei sedicesimi contro il Celtic.

QUATTRO – Le sconfitte consecutive dell’Inter nelle coppe europee. Eguagliato il record negativo di sempre, raggiunto nel 1961 in Coppa delle Fiere: nel corso della stagione 1960-1961 i nerazzurri persero 1-0 il ritorno dei quarti contro il Belgrado XI, qualificandosi per effetto del 5-0 dell’andata, per poi perdere entrambe le semifinali contro il Birmigham (1-2 e 2-1) e iniziare male anche l’edizione 1961-1962, con un 4-2 sul campo del Colonia ribaltato vincendo 2-0 al ritorno e 5-3 nella ripetizione.

QUATTRO – I giocatori sempre titolari nelle tre sconfitte stagionali dell’Inter in questa stagione. Oltre al già citato Andrea Ranocchia sono stati impiegati contro Hapoel Be’er Sheva e Chievo anche Samir Handanović, Danilo D’Ambrosio ed Éder Citadin Martins. Se per il portiere è impossibile, almeno fino a gennaio, trovare un sostituto gli altri tre forse sono un indizio da non sottovalutare per le future scelte di Frank de Boer.

DIECI – Gli anni passati dall’ultima e unica altra volta in cui l’Inter cominciò un girone europeo con due sconfitte. Nella Champions League 2006-2007 arrivarono un 1-0 all’esordio in casa dello Sporting CP e uno 0-2 al Meazza contro il Bayern Monaco, ma le successive tre vittorie consecutive portarono alla qualificazione con un turno d’anticipo, da secondi in classifica dietro i tedeschi.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.

Riccardo Spignesi

Studente (ancora per poco) all’Università Statale di Milano. Redattore anche per SpazioCalcio.it e BetClic, estremamente fissato con il calcio.