5 dati statistici su Sampdoria-Inter che potresti non sapere

Articolo di
19 marzo 2018, 11:10
Mauro Icardi Sampdoria-Inter

L’Inter torna alla vittoria in trasferta dopo quasi quattro mesi (non accadeva dal 25 novembre a Cagliari) e grazie allo 0-5 sulla Sampdoria si riprende pure il quarto posto, complice il pareggio della Lazio ieri sera. Nel consueto riepilogo statistico della gara particolare attenzione a Mauro Icardi, che col poker ha raggiunto quota centotré in Serie A e cento in tutte le competizioni con la maglia nerazzurra.

QUATTRO – Gli anni passati dall’ultima vittoria dell’Inter a Genova. Dopo un altro largo successo contro la Sampdoria, 0-4 il 13 aprile 2014 anche lì con Mauro Icardi protagonista (doppietta nella prima da ex al Ferraris), la Liguria era diventata un tabù, con quattro sconfitte su quattro col Genoa e un pareggio su tre coi blucerchiati, vittoriosi negli altri due confronti.

CINQUE – I mesi dopo cui l’Inter ha nuovamente trasformato un rigore. Icardi ha battuto Emiliano Viviano, che nel 2018 aveva parato tutti e tre i precedenti tiri dal dischetto che aveva dovuto fronteggiare, riscattando l’errore col Sassuolo del 23 dicembre. La precedente realizzazione risaliva al 15 ottobre per il decisivo 3-2 al 90′ contro il Milan, curiosamente anche lì con Paolo Tagliavento arbitro.

SEI – Gli anni dal precedente poker da parte di un giocatore dell’Inter. L’aveva messo a segno Diego Milito l’1 febbraio 2012, in una partita però pareggiata 4-4 contro il Palermo con tripletta di Fabrizio Miccoli negli ospiti. L’ultimo autore di una quaterna capace di portare una vittoria era stato Christian Vieri l’1 dicembre 2002, in un 4-0 al Brescia sempre in campionato.

UNDICI – I gol di Icardi in dieci partite contro la Sampdoria, sua nuova vittima preferita (superata la Fiorentina, dieci centri in dodici apparizioni) e colpita per ben sei volte in questa Serie A. Sono appena quattro le squadre contro cui può vantare più reti che gare, le altre sono Empoli (sei in cinque), Pescara (sei in quattro, con l’unico altro suo poker in carriera il 27 gennaio 2013) e Stjarnan (tre in due).

SETTANTUNO – I giorni di digiuno di Icardi, che non trovava la via del gol dal 5 gennaio contro la Fiorentina. Nella sua storia in Serie A, escludendo il periodo estivo, aveva fatto peggio solo in due circostanze: settantacinque giorni fra il 3 marzo 2013 (gol al Parma) e il 18 maggio 2013 (gol alla Juventus) quando era alla Sampdoria e centotrentotto giorni fra il 29 settembre 2013 (gol al Cagliari) e il 15 febbraio 2014 (gol alla Fiorentina) nella sua prima stagione in nerazzurro.






ALTRE NOTIZIE