5 dati statistici su Napoli-Inter che potresti non sapere

Articolo di
22 ottobre 2017, 09:16
Milan Škriniar Napoli-Inter

L’Inter continua a non vincere a Napoli, dove in Serie A manca i tre punti dal 18 ottobre 1997, ma il pareggio strappato ieri sera al San Paolo è comunque un buon risultato, visto che i nerazzurri hanno tenuto testa alla capolista giocandosela alla pari. A livello statistico numeri solo in apparenza negativi.

UNA – La sconfitta subita da Luciano Spalletti in casa del Napoli. Se l’Inter non vince dalla stagione 1997-1998 lui non perde dallo stesso campionato, 2-1 il 14 settembre 1997 quando allenava l’Empoli, poi con la Roma ha ottenuto quattro successi consecutivi fra campionato e Coppa Italia.

DUE – I tiri in porta effettuati dall’Inter, di Mauro Icardi e Borja Valero in chiusura di primo tempo (quello di Matías Vecino a inizio ripresa è da considerarsi principalmente un cross, nonostante la respinta sulla linea). È il numero più basso nelle nove giornate di Serie A, dove ce n’erano sempre stati di più e soprattutto con almeno un gol.

QUATTRO – I pareggi conseguiti al San Paolo nella striscia negativa lunga ormai vent’anni. Lo 0-0 si era visto anche il 14 febbraio 2010, poi 1-1 il 15 maggio 2011 e 2-2 l’8 marzo 2015. Il Napoli, dopo lo 0-2 del 18 ottobre 1997, ne ha vinte otto.

DODICI – Le partite passate dalla precedente volta in cui l’Inter era rimasta a secco. Dopo l’1-0 contro il Genoa del 7 maggio 2017, ultima gara di Stefano Pioli, erano arrivate tre gare con gol nel finale della scorsa stagione più le prime otto giornate dell’attuale campionato.

OTTANTOTTO – Le partite consecutive dell’Inter con almeno un gol fatto o subito, striscia interrotta ieri. Il precedente 0-0 risaliva al 18 ottobre 2015, in casa contro la Juventus, in trasferta dal 17 gennaio dello stesso anno sul campo dell’Empoli.